Al fiöl dal sindach

 

 

Al fiöl dal sindach

 

 

 

Commedia dialettale in due atti

di Franco Zaffanella

 

 

Gabbiana - Ledro

 

2019

 

Personaggi:

 

Rinaldo Barbotti – Padre di Ettore

Tina Rovelli – Madre di Ettore

Ettore Barbotti – Figlio di Rinaldo e Tina

Rosa Benini – Madre di Rinaldo

Sergio Padella – Il Sindaco

Silvio Ricotto– Stradino amico di Ettore

Rosanna Pieri – Professoressa

Fortunata Coralli – Addetta servizi a domicilio

 

***

 

Alcune vicende ruotano attorno alla famiglia Barbotti, formata da componenti con personalità diverse, e che inevitabilmente hanno rapporti complicati e contrastanti: da Rinaldo, occupato più ad andare in osteria che aiutare la moglie Tina nelle faccende di casa, al figlio Ettore, già grande, ma poco cresciuto e superprotetto dalla madre. A completare il nucleo famigliare, l’anziana Rosa, poco accomodante e sempre in contrapposizione con tutti, presa anche da una convinzione di dubbia maternità. Altri personaggi si aggiungono a questa storia, fra questi incombe la presenza del sindaco del paese, che sembra minare la stabilità della famiglia . . .

 

 

 

 

Primo atto

Scena 1

Tina a Seguire Rinaldo

Tina appoggiata sulla tavola sta aggiustando il manico di una pentola con un cacciavite.

TINA –  Va s’am toca da giustà me cla pugnata che, l’è na miseria föra dal comune valà, sa ma stöfi, su mia cusa su buna da fa. (entra Rinaldo con fare avvilito) Sèt rivà?!

RINALDO – Eh . . . (intimorito tiene lo sguardo abbassato)

TINA – Eh, eh cosa?! Induva sèt sta?!

RINALDO – Eh . . .

TINA – Varda da šuntagh na qual parola sino n’asan al parla mèi da te.

RINALDO – (timidamente con calma)  Su sta . . . sul an po però, su sta . . . in ustaria.

TINA – Che nuvità, cuma sal ses mia! Urmai at pudresi metal cume tu domicilio. L’è sempar la stesa storia, ades th’am fè sentar al fià.

RINALDO – Ma qual fià?

TINA – Ma al tu di fià, qual a vöt ch’al sia, quel dal pret. Dai fam sentar. (avvicinandosi)

RINALDO – Va ch’agh nu poch dal fià.

TINA – Cusa völ di c’at ghè poch fià? Induva l’et lasà?

RINALDO – Lu lasà . . .

TINA – Dai caru, dat na mosa, che sinò at gh’è al mutur ca sa smorsa.

RINALDO – Eh. . . al fià lu lasà la dai vigii.

TINA – Cusa centra i vigii?

RINALDO – Eh . . . i ma fermà, e i ma fat fa la prova dal paluncino.

TINA – E’cu! Sta mia dim ca tè ciapà la multa?

RINALDO – Varda cu fat an bèl risultà. Un e quaranta!

TINA – Un e quaranta! ?

RINALDO – I vigii i ma det che finura stan su quel ca fat al risultà püsè alt.

TINA – E che premi tai dat?

RINALDO – Quatarsentcinquanta euro.

TINA – Cusa völ di quatarsentcinquanta euro? Da multa!?

RINALDO – Eh . . .

TINA – Ma c’at gnes na rogna!!! Quanti volti tu det da sta atenti, che prima o poi it binava! E’ andà fni cl’è sucès! Parchè nuatar a gnom tanti di bèsi da bütà via!

RINALDO – Se ma su andà d’acordi ca paghi a rati.

TINA – Valà, sat vè amò in ustaria me ta spachi cla pugnata che in sla testa! E tla spachi töta in na volta, mia a rati! Tra l’altru tu det su mia quanti volti: “giöstum la pugnata!”. Ma gninte, te at sé buna sul d’andà töti i de in ustaria, e ades ca tè ciapà la multa a tl’è fata cumpida!

RINALDO – Eh . . .

TINA – Eh, eh cosa? Pu al fa anca al spiritus cla pers al fià dai vigil.

RINALDO – Püsè che atar al fia lu pers, in dal vegnar a ca a pe . . .

TINA – E parchè sèt gni ca a pe?

RINALDO – Eh . . .

TINA – Ma dai! Tai sequestrà la machina!? (Rinaldo annuisce).

TINA – Imbambì, at sé sul n’imbambì! As pöl dit sul quel.

RINALDO – Però, na volta th’am rispetavi püsè.

TINA – Rispetat? Cuma as fa a tasar, dim ades quand a sagh völ la machina cusa föm? Tu fiöl tra l’altru al gh’ha gnanca la patente.

RINALDO – Eh . . . ades a glu gnanca me . . .

TINA – Anca la patente!? Te ciapà la multa, i ta sequestrà la machina, i ta tirà via anca la patente, varda te fat al triplete!!!

RINALDO – Però su gni a ca san e salv.

TINA – Su me che ades però at fagh dal mal! (Rinaldo si scosta). L’è na smana c’at dighi anca d’infiam la bicicleta, gnanca quel at sé sta bun da fa.

RINALDO – Va ca vulevi infiala, ma su mia sta bun da catà la pumpa.

TINA – La pumpa l’è tacada taga la bicicleta!

RINALDO – Ahh . . . alura agh vagh subit a infià sta bicicleta. (esce)

TINA – Sarà mèi. Varda cusa al ma cumbinà incö. Che me gh’al diševi, varda che na qual volta it ferma, varda che na qual volta it ferma, sta atenti, ma gnint, scultam mai. In cl’ustara la a magnà e bevar! (rientra Rinaldo, un po sconcertato)

Scena 2

Tina – Rinaldo

 

TINA – At larè mia bèla infiada?

RINALDO – No, ma . . . induv’èla la bicicleta?

TINA – Ma in garag a lè! Induva l’è sempar stada!

RINALDO – In garag? Parchè a gho’ma al garag?

TINA – Alura at sé propria imbariagh! Ma èl mia le föra al garag! Ve via valà, ve via cun mè, ch’at fagh vedar. (prendendogli la mano per accompagnarlo fuori)

RINALDO – Gh’èt bisogn ca th’am ciapa par man.

TINA – Se, at gh’è bisogn dl’acumpagnament, andom c’at fagh turnà la memoria. (quasi lo trascina fuori)

RINALDO – Che sudisfasiun, che bèla vita ca fagh. . . (escono, poco dopo rientra Rinaldo fischiettando, intervenendo poi quasi ridendo)

Scena 3

Rinaldo a seguire Tina

 

RINALDO – Vöi vedar ades ch’ièl ca gh’ha da rinfrescas la memoria. (ride) L’è föra cla serca al garag, ma al garag a glom mia. (ride ancora ed entra Tina)

TINA – (molto scocciata) Cusa gh’è da redar? Am su sul cunfusa cun al garag ca gh’evum induva stavum prema.

RINALDO – Se ma l’è du an ca stom che.

TINA – Vè mocla né! Lasa le d’andà adre! Pensa putost a quel ca tè fat incö!

RINALDO – Vulevi sul capì, se la bicicleta alura l’è restada in da cal garag la?

TINA – Al su mia, va ben! Ades turna induva at sevi, che tant l’è gnamò ura ad sena.

RINALDO – Th’am di sö parchè a vaghi sempar in ustaria, e ades at vö ca turna ancor la, ma sa gh’es da morar sares mia me.

TINA – Cusa at salta in ment ades?

RINALDO – Ah ma varda, sa mori però, te sta mia catat n’atr om.

TINA – Sl’è par quel, mori pör tranquil che tant natar al toghi mia, e lasa le da di dli stupidadi, va via valà, che tant ch’at sia a ca, u ch’at sia föra ad ca, l’è la stesa roba.

RINALDO – O pardiu invisibil a so ades.

TINA – Invisibil se.

RINALDO – Perdi l’invisibilità sul quand a ciapi la pensiun.

TINA – A vèt via?!

RINALDO – Ben vè, me, gh’hu mia dificultà . . . (uscendo, poi si volta) Chisà ca cata la bicicleta.

TINA – Basta! (quasi intimandogli di lanciargli il cacciavite che ha in mano. Rinaldo esce) Stöpid d’an stöpid. E ca sevi propria sicura ch’agh fös . . . però su gnamò cunvinta, ades a vagh a vedar ancor. (esce per sincerarsi ancora una volta che il garage non ci sia. Poco dopo entra in scena il figlio Ettore)

Scena 4

Ettore a seguire Tina

 

(Ettore entrando si aggiusta il maglioncino, tirando le maniche, aggiustando il collo. Si aggiusta i pantaloni, controlla che la portiera e la cintura sia a posto, controlla ogni cosa del suo abbigliamento in modo maniacale, guardandosi anche ad uno specchio. Poi si siede e continua in questa sua mania, si guarda anche l‘orologio, se lo sistema ecc. Rientra la madre Tina)

TINA – (entra piuttosto scocciata) Me su mia, a sevi atse sicura cagh fos al garage, ma  al gh’è mia . . . at sé che Etorino.

ETTORE – Mama at lu det amò, su mia Etorino, su Etore! (alzandosi)

TINA – Ma talsè che te at sempar al mè Eturino.

ETTORE – Va ca su cresì, su mia pö an pütlet. Th’am tegni ligà cume an cagnin.

TINA – Ma nanu, va che te at sé libar d’andà induva thagh né voia. Sta mia rabit dai che dopu at sudi. (gli si avvicina e lo accarezza)

ETTORE – Ma dai mama lasa le! (facendola smettere di accarezzarlo) Sa gh’es da vulì andà föra at gh’è da fam sempar l’interugatori cume s’at fösi al marescial di carabinier. Varda che me su ancora dre sercà an laurà, e gh’hu gnancor la murusa, fa te.

TINA – Sta mia preucupat Eturino, che al laurà ades th’al cati, u sentì che in cumun iè dre sercà an stradin.

ETTORE – Par fa al stradin agh völ almen la tersa media, e sicome me a glu mia, parchè te fni li elementari, ta mè tegni a ca sinò ma strusciavi trop, ca gh’evi bisogn da ripusà la testa.

TINA – Sta gnanca pensagh, l’è mia an prublema, me cunosi ben al sindach . . .

ETTORE – Ma la tersa media comunque l’agh völ mama. (sempre aggiustandosi maglione ecc.)

TINA – Cun li scöli serali la tersa media at pö sempar ciapala.

ETTORE – Se ades a vaghi a fa li scöli serali, a gh’evi d’andagh quand l’era ura, ades ca su grand gh’hu vargogna andagh.

TINA – Alura sèt cusa föma? A ciamom la prufesuresa a casa, atse at fè sensa andà föra, ta studi a ca.

ETTORE – Se, scöla a domicilio. (suonano alla porta d’ingresso e Ettore va ad aprire, ed entra l’amico Silvio)

Scena 5

Tina – Ettore – Silvio

 

ETTORE – Varda, as parla da stradin e gh’è che Silvio, ve dentar.

SILVIO – Grazie, ciau. Su gni par dit Ettore che in cumun iè dre sercà an stradin?

TINA – Al som se, e pensavum ca püdria vegnar a ciapà cal post le al mè Eturino.

SILVIO – Infati su gni propria a dival. Ades su restà daparme. Agh völ la tersa media però, al su che te th’agh lè mia.

TINA – Agh la fom ciapà Silvio.

ETTORE – Eh, starom a vedar.

SILVIO – Ma se, va ch’agh völ mia tant a ciapà la tersa media.

TINA – Infati, s’al la ciapada lu, at pö ciapala anca te Eturino.

SILVIO – Dai che dopu atseta, a lavuroma insiem, at fè na scöla da chi le serali, e in du e du quatar at la ciapi.

TINA – Brau digal. (uscendo con la pentola)

ETTORE – Eh digal . . . pensa che me madar la vuleva mia c’andes a scöla e me a vulevi andagh.

SILVIO – Ma at solit a l’è a la sversa. (Silvio va vicino alla porta dove è uscita Tina per sincerarsi che non stia tornando) Vè Eture, u cunusì na bionda, mama cara, che bèla.

ETTORE – Se la smana pasada l’era mora.

SILVIO – Ma caru te, bisogna cambià, ogni tant.

ETTORE – Me öna la bastares, e gh’an vansa.

SILVIO – Varda me a telefuni, e im dis la vöt bionda? Rosa? Mora? Alta? Basa? Magra? Grasa? Me agh digh quel c’am pias e tac l’ariva diretamente a ca. (Silvio controlla sempre che non ci sia nessuno ad ascoltare)

ETTORE – Par posta?

SILVIO – Ma no, la riva da par le in carne e ossa.

ETTORE - Al sevi mia ca fös atse facil, la  vegn a casa . . .

SILVIO – Ma tu bèla spiegà ancor: Servizi particolari a domicilio. S’at vö as pöl fal anca che a ca tua. Basta ca ta mal diga. Par esempi al sabat ad sera che i tui i va a šugà a tombula, e tu nona a li ot l’è ša a lèt, sares l’ucasiun giösta.

ETTORE – (si siede e si aggiusta anche le calze, pulendosi con le mani anche le scarpe) Servizi particolari a domicilio?

SILVIO – A domicilio, nisun a ved e nisun a sent. Insoma anca te at gh’è da divertat an po.

ETTORE – Divertum?

SILVIO – Se divertat. Insoma cume quèl c’at pias, ca th’at diverti, gh’è mia gnint  c’at pias  a fa?

ETTORE – Me am pias andà a pescà.

SILVIO – E’cu, meti ca sia cume andà a pescà.

ETTORE – Ah gh’hu siè cani vè.

SILVIO – Le th’am basta öna.

ETTORE – U capì, ma èl an divertiment ca costa?

SILVIO – Eh bè, quel se, nisun a lavura par gninte.

ETTORE – Ciuè?

SILVIO – (avvicinandosi a Ettore e glielo dice in un orecchio)

ETTORE – Ma se, induva vaghi a töi me chi bèsi le? Bisogna ca ghi dmanda a me madar.

SILVIO – Se, ma sta mia digh par cosa.

ETTORE – Me agh digh . . . per divertimento.

SILVIO – Sensa specificà, che tipu ad divertimento. (entra la nonna di Ettore, Rosa che cammina tenendo una gamba tesa per i dolori che ha)

Scena 6

Silvio – Ettore – Rosa

 

ROSA – Che divertimento sares? Parchè sas pöl a partecipi anca me.

ETTORE – Nona te at pö mia partecipà, è per soli uomini.

SILVIO – Eh se.

ROSA – Chisà cus pöl esar, na roba pensada da vuatar du, che l’inteligensa a gli gnanca in fond ai pe.

ETTORE – Oh nona.

SILVIO – A sarom mia atse ignurant?

ROSA – Püsè.

SILVIO – Ma le la gh’ha sempr da dis sö.

ROSA – Tasi te cal su che in casa tua at fè vegnar a dli doni di malaffare.

SILVIO – Cusa sala le che doni iè.

ROSA – E te sta mia scultal che te at sé imaculà. (rivolta ad Ettore)

ETTORE – Oh ades sarò mia cume la Madona.

ROSA – Lasa sta la Madona, che quela se casu pudria esar me.

ETTORE – Ma cuma fet te a esar imaculada nona?

SILVIO – Vè Eture, se tu nona l’è la Madona, te at sé fiöl da Gesù Crest. (ride)

ROSA – As pöl di dli stupidadi acse, Gesù Crest, ve šo dabun e metagh quel in dla testa a chi du che.

ROSA – At sé stada te nona a cumincià cun la Madona.

ROSA – Vè lasa le, che me e te som gnanca parent!

ETTORE – Ma no su tu neù.

ROSA – Impusibul!

ETTORE – Ma al pupà al ma sempar det che te . . . (interrotto)

ROSA – Lasa sta tu padar, ca su mia parent gnanca cun lu!

SILVIO – Ma siura Rosa a gh’ala gnanca an parent?

ROSA – No! Vivo sola!

ETTORE – Alura da quand a su nasì, su sempar sta in ca cun na furestera?

ROSA – Esatto, me su ad n’atra raza.

ETTORE – Nona quand at di atse th’am fè vegnar l’ansia.

SILVIO – Vè bevi an per ad bicer da vin, che at vedrè che l’ansia la cala subit.

ETTORE – Eh se, la sares le (indicando Rosa) cla duvres bevar an qual bicer da vin, chisà clas calma.

ROSA – Propria me, che na volta, a gavrò vi vint’an, i ma fat bevar an qual bicer da vin e inveci ad calam l’ansia, am su calada li mudandi.

SILVIO – Li mudandi? (ridono)

ROSA – Comunque, se tu padar l’è mia mè fiöl, te at sé mia mè neù.

SILVIO – Cume mai? Is sarà mia sbaglià a l’uspedal? (ride)

ROSA – Certu, parchè quand i ma portà al pütin al de dopu cu parturì, u vest subit ca l’era mia al mio. E glu det anca: “Ma questu l’è mia al mè putin!”. Sèt cusa la ma det l’infermiera?

ETTORE – Cosa?

ROSA – La fa: “Impusibul, chestu l’è l’ultim ca gh’è restà”.

SILVIO – Ma che fat.

ETTORE – E alura?

ROSA – Alura m’al su tegnì, cusa favi? Cal sares tu padar.

ETTORE – Ben però me almen a su parent cun mè padar.

ROSA – Ehh . . . pian caru, la man in sal föch me a gla meti mia.

SILVIO – Va a fnì Eture che anca te at gh’è gnanca an parent.

ETTORE – Ah ma me su sempar sta sfurtunà.

SILVIO – Quel se, ades però bisogna ca vaga parchè gh’hu da parciam par stasera.

ETTORE – (alzandosi) Vè a gh’èt da parciat par al servizio a domicilio?

SILVIO – Esatto, par quel ca tu det prema, ciau, saluti. (esce dalla porta d’ingresso)

ETTORE – Ciau, me inveci vagh dad la, parchè a gh’hu da pensà. (esce dalla porta interna)

ROSA – Se caru, va a pensà, ca th’agh né ad bisogn. Speciat ogni tant anca. Perfetin, sempar a giustas, cal par mia tant a post! Che pu quand l’è nervus as giösta anca li mudandi. Na roba. Cal la cal gh’ha i servisi a domicilio, ma cus’èla sta roba? Servizi a domicilio? (pensa a cosa potrebbero essere) Ades a vardi in sl’elenco telefonic, su trop curiusa. (prende l’elenco telefonico e inizia a cunsultarlo) Dunca, vardoma. Servizi . . . elettrici, servizi gestionali, servizi . . . valché, servizi a domicilio . . . tutto compreso . . . ades a provi a telefunagh, su trop curiusa, voi savì cusa al fa cal semu la. (prende il telefono, e fa il numero) . . . Pronto, servizi a domicilio? Ah, ben alura cuma funsiuna sti servizi a domicilio? . . . Ah . . . ma pensa. Ah ma me al sevi mia . . . dabun? . . . Certu, sla vegn che la ma spiega mei . . . No, vivo sola . . . la varda, sla vegn al sabat dopmèsde l’am cata . . . Va ben, se. Saluti, arrivederci. (posa il telefono) Le, èt  vest cuma as fa prest, atseta, ades a voi anca me i servizi a domicilio, mia sul cl’imbabì la.  (entra Rinaldo)

 

Scena 7

Rosa – Rinaldo

RINALDO – Mama.

ROSA – At piasares.

RINALDO – Cosa at piasares?

ROSA – At piasares ca fös tu madar.

RINALDO – Ancora cla storia le, dim pütost, sèt induva è andà fni la nostra bicicleta?

ROSA – Quela negra con al cestino davanti?

RINALDO – Quela?

ROSA – Quela lu vendida a la Carulina.

RINALDO – Come?  .

ROSA – Se lu vendida par dies euro.

RINALDO – Sul par dies euro, cl’era amò na bicicleta nova.

ROSA – Va ca gh’hu vendì sul la röda davanti.

RINALDO – Sul na röda!? Ma cusa tè saltà in ment? E al rest induv’èl alura?

ROSA – Cusa vöt ca sapia me, che la bicicleta lu mai drovada.

RINALDO – Ah ma at sé furba mama.

ROSA – Ma quala mama, chisà induva l’è tu madar. (esce)

RINALDO – Ma va che tacadi, la vend la roda, e pu la bicicleta l’è sparida. Ades cla m’agh völ. Agh nu mia bastansa da mè muier, anca me madar, cun cla storia ca su mia su fiöl. Me su cundanà, dopu l’am dis sö parchè a vagh in ustaria, cuma fagh a sta a ca, quand gh’è mia öna, gh’è cl’atra. (entra Ettore)

Scena 8

Rinaldo – Ettore

ETTORE – Pupà . . . sculta.

RINALDO – Cusa gh’è?

ETTORE – (sempre aggiustandosi) Sculta pupà . . . ma quand a su nasì te induva sevat?

RINALDO – (spazientito) Ades cusa tè saltà in ment, ma anca te at gh’è da fam ustià! Induva vöt ca fos, sarò sta all’uspedal.

ETTORE – Se, ma anca prema th’agh sé sta?

RINALDO – Prema? Ma insoma cusa sèt dre di?

ETTORE – Vulevi di pupà che . . . sa tè partecipà a . . .

RINALDO – Su partecipà a cosa? Vè ta mè bèla stracà anca te, a vagh via. Va che dmandi cal fa, su partecipà . . . (mentre sta uscendo, capisce quello che il figlio intendeva dire) ah ma at vuresi di in cal sensu la, certu ch’agh sevi, oohh. Sta mia gnanca dil par schers, (mentre esce)  ansi dmandagh a Sergiu Padèla, quel che ades l’è sindach, che alura l’era da spes a ca nostra. (esce)

ETTORE – Cusa centra al sindach? (si chiede tra sé pensieroso) Mah . . . (si aggiusta gli abiti, suona il telefono e va a rispondere) Pronto? Ah ciau Silvio . . . dabun, ma sabat chestu? Ma l’è dman sabat . . . a gh’ù an po paura, talsè ca gh’hu mia esperiensa . . . eh sta mi preocupat, at fè prest te a dil. . . va ben, sperom ben. Ciau, ciau. Ma ša dman a vegn calà, chisà cuma la sarà. Che agitasiun ca mè gni. Al la det, e al la fat. Su mia cusa sucedarà (mentre dice così va allo specchio e si aggiusta i vestiti. L’agitazione è tanta che si abbassa i pantaloni e si aggiusta le mutande. In quel momento entra la nonna con una scopa in mano e lo vede in questa situazione)

Scena 9

Ettore – Rosa

ROSA – Vèèè!! Cusa sèt dre fa bröt spurcaciun! (alzando la scopa cercando di colpirlo, mentre lui cerca di rimettersi a posto. I due girano attorno alla tavola)

ETTORE – Ma su dre giustam li mudandi. (tirandosi su i pantaloni)

ROSA – Se, giöstat la testa valà cl’è mèi! At la fagh pasà me cla mania le.

ETTORE – Cusa ontia fat da mal?

ROSA – At sé an maniaco valà. (fermandosi perché Ettore è già rivestito). Tlu det che me e te som mia parent, va se me a gh’hu an neù dal genar, chisà d’induva ad rivi te.

ETTORE – Da me padar e da me madar vè, al pupà al ma pena det che lu l’era presente, mia no.

ROSA – Cherasa.

ETTORE – Al ma fin det da dmandagal al sindach, che alura al gneva sempar in ca nostra.

ROSA – E’cu, anca quel l’era presente.

ETTORE – Certu, am la det al pupà.

ROSA – At sé propria an pütlet ca sa gnint.

ETTORE – Sta mia tratam anca te cume an pütin, me su n’om! E sta mia dim ca gh’u mo al pisòt al sul! (aggiustandosi nervosamente)

ROSA – No caru al tu pisòt a l’è a l’ombra d’an bèl pès, e ades mocla le, ca vedi c’at sé dre inervusit, e prema ca th’at cava amo li braghi vagh a fa an gir föra, parchè gh’hu bisogn da respirà natr’aria, aria fina. (esce)

ETTORE – Mèi, atse pos sta an po in pace. Im trata töti cume sa fos an pütlet. Bisogna ca cumincia a fa quel ch’agh nu voia. I gh’ha sempar da dim cusa fa, ades su stöf da scultai. Ades a voi fa ad me testa. Me madar la ma gnanca fat fnì li scöli medi, as pöl!? (suonano il campanello d’ingresso e va ad aprire al sindaco Sergio)

Scena 10

Ettore – Sergio a seguire Tina

ETTORE – Buongiorno.

SERGIO – Buongiorno, sono Sergio Padella, sercavi tu madar.

ETTORE – Ah, ades a vaghi a ciamala.

SERGIO – Nuatar forsi as som vest na qual volta, ma te at sé su fiöl né?

ETTORE – Se, su me . . . a l’è dificil c’am veda su sempar serà che in ca, lu lè al Sindach nè?

SERGIO – Propria me. (il sindaco è vestito bene con giacca e cravatta, e mostra un atteggiamento di superiorità)

ETTORE – Ah ècu, am pareva, ma al s’acumuda ca vaghi a ciamà me madar.

SERGIO – Grasie, su mia strach, ma am senti sö.

ETTORE – Prego, prego, arivi subit. (dicendo così, mentre sta per uscire, si accorge che una volta che il sindaco è seduto, inizia ad aggiustarsi la cravatta, si tira le maniche, si pulisce la giacca, guarda e si aggiusta l’orologio. Insomma ha atteggiamenti molto simili ai suoi, e Ettore si ferma a guardarlo, con una certa curiosità, perchè ha lo stesso suo modo di comportarsi. Il sindaco quindi si accorge che lo sta guardando)

SERGIO – Gh’è an qual prublema?

ETTORE – No, no, gninte.

SERGIO – No parchè at sevi dre vardam.

ETTORE – Parchè u vest c’as giustava la cravata. . . e . . .

SERGIO – Ah ma quel l’è na mè mania, am giösti sempar, ansi quand a su nervus a su bun fin da mulam li braghi e giustam li mudandi! (ride)

ETTORE – Ma no!!

SERGIO – Ma se, mia ma no. Tè mai sucès te na roba dal genar? (continua nel frattempo ad aggiustarsi e comportarsi nel modo descritto. Anche Ettore ha comportamento simile ed entrambi praticamente compiono gli stessi gesti).

ETTORE – Me? Ma . . .

SERGIO – A gh’èt da pensagh a sura Eture?

ETTORE – (incuriosito) Ma cuma fal a savil che me am ciami Eture?

SERGIO – Al so, al so. Anche al mè puvar padar as ciamava acse.

ETTORE – Ah se, ma alura . . .

SERGIO – O ma quanti se e quanti ma c’at gh’è, prova vedar sa gh’è tu madar. (non fa in tempo a dire questo che entra Tina)

TINA – Ma Diu, ciau, u vest föra la machina, alura am su imaginada c’at sevi che.

SERGIO – Ciau Tina, a tla ricordi la mè machina né?

TINA – Ehh . . . (Sergio si alza dalla sedia, e i due si danno la mano e si scambiano baci. Tina ha un atteggiamento di riguardo e di riverenza, e non riesce a nascondere la sua contentezza)

TINA – Alura stet ben? Töt a post?

SERGIO – Se, se, töt ben, anca te a vedi ca ta stè ben, d’altronde at sé sempar stada na bèla dona.

TINA – Ma cusa dit? Th’am fè dventà rosa. (Ettore li guarda con sospetto, e prende sempre più corpo una nuova idea di paternità)

ETTORE – Mama, va che il tempo delle mele l’è ša fnì d’an pès.

TINA – Cusa dit?

SERGIO – Alura Tina, par quel ca ta mè det prema par telefuna, u bèla pensà a töt. U catà la prufesuresa par dagh li lesiun a casa, ma robi svelti vè, che dopu al fa subit l’esam, atseta as pö asumal in  Cumun a fa stradin. Va ben Eture?

ETTORE – Ma . . .

SERGIO – Sl’è sul bun da di sul se e ma Tina.

TINA – Ah ma at gh’esi da savì, insoma Eture ringrazia al Sindach c’as iöta a catat da laurà.

ETTORE – Grasie siur sindach.

SERGIO – Ma gnint, al fagh vulentera an piašer a tu madar.

ETTORE – A ma sved cl’è abituà a fagh di piašer a mè madar.

SERGIO – Cert, fin da quand a sevum šuan. Th’at ricordat Tina quand a la Busula d’Uspedalet a balavi cume John Travolta.

TINA – Am ricordi se, at sevi pran brau . . . e bèl.

ETTORE – Eh certu, urmai l’è töt ciar. . . (ormai convinto della sua diversa paternità)

SERGIO – Va ben, ades a vagh parchè gh’hu tanti robi da fa, e am racumandi, me av ioti, ma stan quen sicome am ricandidi ancor dem al votu.

TINA – Certu, me tu vutà anca la prema volta.

ETTORE – Gnanca dil.

SERGIO – Anca te né Eture, digal anca al tu om, e anca la vècia. (entra arrabbiata in questo momento Rosa)

 

Scena 11

Tina – Ettore – Sergio – Rosa

ROSA – Quala vècia vè!? (entrando con una bacinella in mano)

SERGIO – Buongiorno Rosa, non l’era sul n’ivito a la famiglia che stan quen a gavres bisogn anca dal vostar voto.

ROSA – At pö scurdat che me at daga al votu a te!

TINA – Ma Rosa, l’è al sindach, va c’as iöta a catagh al laurà a tu neù.

ROSA – Ma qual neù. Agh nu mia di neù me! Vivo sola! Al votu? Th’al dagh me al votu . . . (va via brontolando)  . . . al völ al voto . . . (ride)

TINA – Scusa, a l’è l’alšaimer. (rivolta a Sergio, Rosa sente mentre sta uscendo e si volta indietro).

ROSA – Vè, varda che me l’alšaimer agh lu gnanca in dli mudandi! Va mo la! (esce sempre con la bacinella dalla porta d’ingresso).

SERGIO – La sé rabida.

TINA – La gh’ha sempar da fa al bastian cuntrari.

SERGIO – Ben, alura av salöt, e, sperom che töt a vaga ben.

TINA – At cumpagni.

SERGIO – Ciau Eture.

ETTORE – Buongiorno. (i due escono con Ettore molto perplesso e pensieroso, e come sempre si sistema e aggiusta il suo abbigliamento) Che casot in cla ca che. Però, visto cuma sta li robi me duvres esar al fiöl dal Sindach. Eh, la roba l’è ciara, al fiöl dal Sindach . . . (gonfiandosi il petto) Infati u sempar pensà da esar un ca cunta. Inteligent. (rientra la madre canticchiando)

Scena 12

Ettore – Rosa

ETTORE – S’at canti mama?

TINA – Parchè cusa gh’è sa canti?

ETTORE – Chi canta gh’ha al cör felice.

TINA– Insoma, ogni tant. Pütost, te capì né? Atseta anca te dopu at gavrè al tu laurà.

ETTORE – Certu che dopù a gh’è da sudà a fa stradin.

TINA – Sta mia preocupat, gh’u ša pensà, at farè i mester püsè alšer, na roba d’uficiu.

ETTORE – Ma me u mai vest an stradin ca sta in uficiu.

ROSA – Al sindach, quel ca gh’ha dmandi, am dis mai da no.

ETTORE – Ma, chisà parchè, me gni quasi an dubi, par fin che te cun al sindach a su temp at gabia vi . . .

TINA – (interrompendolo) Ma sta mia preucapat te da cli robi le.

ETTORE – Ah, ma an preocupi mia, l’è al pupà chal gavres da preocupas. Ades mama at fagh na dumanda, e varda da esar sincera.

TINA – Ma certu.

ETTORE – Me soncia al fiöl dal sindach!?

TINA – Ahh!!! Ma cusa tè saltà in ment? Cma fet a fam a dli dumandi acse, te at sé fiöl ad tu padar!

ETTORE – Ma qual di padar? Mama spüda al rosp!

TINA – Ma insoma, at vö metum in boca dli paroli mia veri.

ETTORE – Varda ch’al fa töt cume me, precis identich, pusè prova da questa. Su propria al fiöl dal sindach.

TINA – (andandogli vicino quasi per mettergli una mano davanti alla bocca) Ma tasi! Ca senta mia an qualdun.

ETTORE – Ma dai mama,  prema at cantavi, e sa tesi pudì thagh saresi saltada in bras.

TINA – Ohh cherasa. (entra Rinaldo con una ruota di bicicletta in mano)

 

Scena 13

Ettore – Tina – Rinaldo

RINALDO – Vè u catà na roda da bicicleta.

TINA – E al rest induv’èl?

RINALDO – Al rest am sa cla fat li gambi.

ETTORE – Vè Rinaldo . . . (interrotto da Rinaldo)

RINALDO – Come Rinaldo? Ta mè sempar ciamà pupà, ades parchè am ciamat par nom?

ETTORE – Ehh  . . .  (non sa cosa dire e interviene Tina)

RINALDO – Ma as sarà sbaglià, né Ettore?

ETTORE – Se, infati vulevi di pupà, e vulevi anca dit se ca le lè la roda dla bicicleta che na volta gh’evum in garage?

RINALDO – Quela.

ETTORE – Al tlèr levi vendì me.

TINA – Ma come?

RINALDO – Te tè vendì al tlèr, me madar na röda, e questu l’è quel ca gh’è restà, te c’at vulevi la bicicleta. (rivolto a Tina)

TINA – Ma che bravi, e sensa dim gnint.

ETTORE – Ben ma gh’oma la machina.

TINA – No, quela i gla sequestrada i vigil, parchè i la catà cla bevì.

ETTORE – I vigii? Alura mama at po pensagh te a sistemà  töt, ah?

TINA – Me? Ah, ma sèt ca gh’evi mia pensà, dopu agh telefuni al sindach. (esce)

ETTORE – Ades at vedrè che me padar al risolv al prublema.

RINALDO – (avvicinandosi a Ettore perché non capisce) Cosa?

ETTORE – At vedrè che la machina la turna indre.

RINALDO – Magari, e la patente?

ETTORE – Anca quela, che furtuna vigh an padar atse pupà.

RINALDO – Che cunfusiun, ma cusa sèt dre di? Me capesi mia, me cusa pos fa?

ETTORE – (sempre nervosamente si aggiusta gli abiti) Mia te pupà, me padar!

RINALDO – Ma insoma cusa gh’èt du padar?

ETTORE – No al padar l’è sul uno Rinaldo.

RINALDO –  Bo, me vagh via parchè su mia cusa at vö di. Po scusa parchè am ciamat ancor Rinaldo? Ma. (esce)

ETTORE – Ah sa pudes dil, sares bèl. (immagina di conoscere qualcuno e presentarsi come figlio del sindaco) Am presentares acse: “Piacere, Ettore , il figlio del sindaco”. “ Ah ma piacere, al sevi mia che al sindach al gh’es an fiöl”. “Ecome, vedla mia cuma agh sumigli”.  (si aggiusta e parlando così esce)

 

FINE PRIMO ATTO

 

***

 

SECONDO ATTO

 

Scena 1

Rosa a seguire Rinaldo

(Rosa vestita bene si sta guardando allo specchio)

ROSA – Vardarom ades che servisio a domicilio al sarà, parchè me gh’hu la me pensiun e spendi i besi cuma agh nu voia. (entra Rinaldo visibilmente contento)

RINALDO – Mama!

ROSA – E dai cun sta mama.

RINALDO – At sé mia cusa è sucès?

ROSA – E’t catà tu madar?

RINALDO – Ma dai, a l’è chi ma purtà indre la machina! I vigil, i ma purtà töt, machina e patente.

ROSA – Tai purtà indre anca al fià ca tè druvà par sufià?

RINALDO – At sé sempar la solita! L’è na gran bèla roba, a gh’hu ancor la mè machina. Sèt cusa fagh ades? A vaghi a l’ustaria e pagh da bevar a töti. Dli volti i miracui i suced. (esce)

ROSA – Se miracui cun i coran. Che famiglia de, la sta in pe parchè tira quatar vent. (continua a guardarsi allo specchio) Par furtuna me centri mia cun cla famiglia che.

 

Scena 2

Rosa – Ettore

(Entra Ettore guardingo)

ETTORE – Nona èl andà via al pupà?

ROSA – Ciamum Rosa par piašer, mia nona. Comunque tu padar l’è ša andà, oh sl’è andà.

ETTORE – Meno male, (dalla tasca estrae una fascia tricolore da sindaco, e mettendosela si appresta ad andarsi a specchiare, dove c’è la nonna) Rosa, va ben sat ciami atse.

ROSA – Ecome.

ETTORE -  Podat spustat, ca vardi sa staghi ben?

ROSA – (lo vede con la fascia e lo guarda con compatimento) Te at sé propria mia me neù, ma cusa fèt?. (spostandosi)

ETTORE – Ma gnint, te at pö mia capì.

ROSA – Valà lucot, va cusa am toca vedar.

ETTORE – Sat savesi chi so. (aggiustandosi continuamente la fascia)

ROSA – Al so, al so chi tsè, ma cusa pensat da fa cun cla fasa le? (scostandosi dallo specchio)

ETTORE – Eh, sangue non mente. (Ettore si pavoneggia con la fascia tricolore e Rosa lo guarda in modo compassionevole. Entra Tina e vede Ettore con la fascia).

Scena 3

Rosa – Ettore – Tina

TINA – Cusa fèt cun cla fasa le?!

ROSA – L’è dre studià da sindach.

TINA – Ma valà, cavatla subit. (gliela toglie di dosso) Dai, cusa tè saltà in ment.

ETTORE – Ma parchè mama?

TINA – Ma insoma, pu induva sèt andà a töla?

ETTORE – In cumun, su andà a curiusà in dl’uficiu dal sindach, e sicome al gh’era mia, u vest la fasa e am la su mesa in bisaca.

TINA – Chi ta det d’andà in cumun? Ma va cusa al va a fa, anca ladar ades!

ETTORE – Lu tolta in prestit mama, dopu ag la porti indre.

TINA – Eh se, ma Rinaldo eral mia che?

ROSA – No quel l’è andà al bar a festegià parchè i vigil i gh’ha purtà indre patente e machina.

TINA – Ah, vedat che certi cunuscensi li cunta . . . (si mette anche lei la fascia tricolore che ha appena tolto a Ettore) sul me pos fa certi manovri, e sistema töt. (si pavoneggia anca lei con la fascia) La ma sta ben anca me cla fasa che ah ? 

ROSA – Cla ta staga ben anca anca, ma at sé te ades ca ta stè mia ben. Agh manca sul al segretari, va a ciamà al tu amich Silvio Eture, atseta dopu a foma al cunsiglio comunale.

ETTORE – Mama, ma sta gnanca fat vedar.

TINA – Vuatar pudì mia capì.

ROSA – Ettore l’è mei c’at vaga ciavà n’atra fasa in cumun. (Tina si avvia lentamente ad uscire dalla porta interna, seguita da Ettore che continua a dirgli di togliersela, mentre Rosa li osserva con commiserazione)

ROSA – Ah, i fa parte dla stesa rasa, cl’è mia la mia. (ritorna allo specchio) Bisognares ca gh’es da metar an po d’oiu lunga la scala, chisà che an qualdun quand al vegn šo da tsura al casca prema o poi. La sares na bèla solusiun. (suona il campanello d’ingresso e Rosa va ad aprire, credendo che sia la donna che aspetta) Chisà slè la dona ca speti?

 

Scena 4

Rosa – Silvio a seguire Ettore

SILVIO – Buonasera signora.

ROSA – Ve dentar valà . . . buonasera signora. . . Va chi lu de.

SILVIO – Gh’è al mè amich Etore?

ROSA – Al gh’è al gh’è. Eture al pol vigh sul a d’iamich atse. Dim cusa gh’et da fa cun Etore, ciavà quèl d’atar in cumun?

SILVIO – Ma me in cumun agh lavuri  . . .

ROSA – Ah ma as ved cuma at sé strusià.

SILVIO – La ma scusa, ma le cuma fala a savì che me a ciavi a dla roba in cumun?

ROSA – Am sa c’at sé gni dentar, ma al servèl a tl’è lasà föra. Par savì li tu robi gh’è mia bisogn da turturat, tè calà li braghi subit,

SILVIO – Va che li braghi agh iu sö. (guardandosi)

ROSA – Ah ma al su che li braghi th’at ia cavi sul quand a vegn a casa tua cli spurcaciuni la.

SILVIO – Cusa sala le chi vegn in ca mia, le las faga i’afari su, in ca mia vegh ch’igh nu voia. (entra Ettore)

ETTORE – Ciao Silvio.

SILVIO – Ciao, tu nona la gla sempar cun me.

ETTORE – Le verament la gla cunt töti. Dai nona lasa le.

ROSA – Ma qual nona! Tu ša det che me su mia tu nona.

SILVIO – Vè ma tlu mai det che mè nona la dis la stesa roba, li stesi paroli.

ETTORE – Dabun, e parchè?

SILVIO – Parchè la dis anca le che a l’uspedal i gh’ha scambià al pütin.

ETTORE – Ma dai, listes alura.

ROSA – (insospettita) Scultum te, ma tu padar induva èl nasì?

SILVIO – A l’uspedal da Mantua l’è nasì.

ROSA – (preoccupata) Sta mia dim cl’è nasì al quindas da giögn dal cinquantasinch?

SILVIO – Propria, al quindas da giögn dal cinquantasinch, ma cuma fala a savil?

ROSA – (mettendosi le mani sulla testa) Ma no! Vöi gnanca credach! Ma al sarà mia chestu mè neù!? No, no, fin par carità, di mal in pès! (prendendo una scopa minaccia Silvio) No, no, dim cl’è mia vera, dim cl’è mia vera, sinò me at masi!

SILVIO – (scansandosi preoccupato) Ma, forsi ades ch’agh pensi mei l’è nasì al sedas . . .

ROSA – Ah, ècu, mia al quindas?

SILVIO – No, forsi l’è nasì anca al darset o al disdot.

ROSA – Se, s’andoma avanti ancor an po, va fni cl’è nasì par la fera dli Grasi. Valà cl’era mèi gnanca savil. (si appresta ad uscire imprecando con la scopa in mano)

SILVIO – Ben cusa gh’è gni ades? La vuleva masam.

ETTORE – Ultimament l’è pegiurada.

ROSA – Vè! Tasi te, che sl’è vera quel cu pena sentì, a vag a butam in Po.

ETTORE – Sta mia agitat dai, metat calma.

ROSA – (mentre sta per uscire) Par metum calma magh vures na biulca ad camumila! (esce)

SILVIO – Che element tu nona.

ETTORE – Eh caru, l’è atse, cusa fèt.

SILVIO – Parchè la meti mia al ricovero?

ETTORE – Al ricovero? Sa la purtuma al ricovero cume minim lagh da foch subit.

SILVIO – Cunusendula, sares mia da meraviglias, comunque su gni a ricurdat par stasera, sta mia dismengat.

ETTORE – Ah ma gh’hu in dla ment, sculta cuma goncia da vestum.

SILVIO – Cuma th’agh né voia, basta ca th’at vesta mia da pescadur, e vestat poc che dopu at gh’è da cavat šo. (ride)

ETTORE – Ma me a gh’hu vargogna da cavam šo.

SILVIO – Ma valà, te lasa fa a le.

ETTORE – At sicur, sperom ben. (entra Tina)

Scena 5

Ettore – Silvio – Tina a seguire Rinaldo

TINA – Cusa ghevla da sbraià la Rosa?

ETTORE – Gnint da nov mama.

TINA – Cuma am pias quand th’am ciami mama.

SILVIO – Eh se, la madar l’è sicura, al padar quel sal sa mia. (ride, mentre Ettore e Tina non ridono, Silvio se ne accorge e cambia discorso) Ades a vagh, te Ettore tè capì né?

ETTORE – Se u capì, ciao. (si salutano e Silvio esce mentre contemporaneamente entra Rinaldo. I due si salutano)

RINALDO – Che bèla surpresa, i sentì né? I ma dat indre la machina, la patente e i ma tirà via la multa.

ETTORE – Mei dadse.

TINA – Bisogna ringrasià al sindach.

RINALDO – Propria, par furtuna l’è tu amich. A pruposit, al bar i diseva che al sindach al gh’ha an fiöl.

TINA – ETTORE – Ahhh!!!

RINALDO – Al sindach l’è gnanca spušà, su mia, me lu mai savì, su gnanca chi al pudria esar.

ETTORE – Meno male.

TINA – Ma sarà gnanca vera, iè töti ciaceri dla gent.

RINALDO – Mah, te Ettore èt mai sentì gnint?

ETTORE – Me? Vagamente

TINA – Ma lasa perdar valà, pütost pareciat ca gh’om d’andà a šugà a tombula. Me dires ca fom sensa snà parche tant a magnom quèl la.

RINALDO – Va ben, gh’andoma a pe tant gh’è mia tanta strada.

ETTORE – Stè föra fin ca vulì né, stè mia vigh prescia da vegnar a ca.

TINA – Ah ma at solit tra na bagula e cl’atra a vegn undas e meša, mešanot.

ETTORE – Brau.

RINALDO – Vagh a fa na docia alura.

ETTORE – Me lu bèla fata, am su dat anca al prufom. (si aggiusta, pettinandosi anche con le mani).

TINA – Meno male. (esce e Ettore rimane solo)

ETTORE – Sperom che me padar al vegna savì gnint, sinò su mia. (esce e rientra subito con la fascia tricolore in mano) L’è sempar n’unur a metar la fasa, tal padar, tal fiöl. Cuma stagh ben. (Mentre si mette la fascia e se l’aggiusta bene, guardandosi ancora allo specchio, e fa finta di presentarsi come figlio del sindaco. Suona il campanello d’ingresso e va ad aprire)

Scena 6

Ettore – Fortunata

ETTORE – Buonasera.

FORTUNATA – Buonasera, Fortunata Coralli, sono quella dei servizi a domicilio. (entra)

ETTORE – Ah, piacere, (si danno la mano) l’è gnida trop prest però, pensavi cla gnes püsè tardi.

FORTUNATA – Mi spiace, ma più tardi non riesco. Immagino sia informato, posso fare con lei?

ETTORE – Eh certu, cun chi senò. (si aggiusta nervosamente gli abiti, togliendosi la fascia)

FORTUNATA – Mi scusi, lei è il sindaco?

ETTORE – No, no, sono il figlio, no . . . cioè, eh . . . l’è na storia lunga da cuntà. Ma l’am diga, ades induva andoma? Me madar e me nona iè föra e me padar l’è dre fa la docia.

FORTUNATA – Se vuole aspettiamo anche suo papà, magari ha qualche esigenza particolare.

ETTORE – No, lu l’è ša  a post.

FORTUNATA – Allora facciamo noi, ci mettiamo qui?

ETTORE – Ma intant che nisun as ved, andoma mia in camara da let?

FORTUNATA – (ride) Ah che simpatico.

ETTORE – Parchè va mia ben?

FORTUNATA – Ma non si può, guardi ci mettiamo qui così le spiego ogni cosa?

ETTORE – Ah parchè prema la gh’ha da spiegà. Parchè me, cuma as dis . . . io sono all’oscuro. . .

FORTUNATA – Non si preoccupi, che le chiarisco io tutte le posizioni.

ETTORE – Ah ècu, quel l’è impurtant. Ma sa riva mè padar?

FORTUNATA – Non c’è problema, guardi che una volta l’ho fatto con quindici persone.

ETTORE – Quindas!!? Ma come?

FORTUNATA – Certo tutti insieme, siamo stati li due ore e tutti hanno partecipato.

ETTORE – Ma le la fa veramente, la fa veramente di servizi particolari da cl’atar mond.

FORTUNATA – Oh non esageri. Per quanto riguarda la sua esigenza, ha un bisogno urgente, o le serve più avanti?

ETTORE – No, no l’è urgente, anzi urgentissimo.

FORTUNATA – Va ben, però prima dobbiamo concordare il prezzo, e vedere le sue esigenze. (apre un’agenda che ha nella borsa) Vede, noi possiamo fare molte cose: mettiamo in ordine la casa, possiamo portare da mangiare, possiamo aiutare a fare il bagno, se ha un cane lo possiamo portare a spasso, commissioni varie, insomma noi trattiamo tantissimi servizi.

ETTORE – Se ma la det tanti robi, ma mia . . . quel ca vulevi sentar.

FORTUNATA – Che cosa voleva sentire? Mi dica pure.

ETTORE – Eh sares  . . .

FORTUNATA – Dica pure, non abbia vergogna.

ETTORE – Il sesso, quello quando lo facciamo?

FORTUNATA – (ride) Il sesso? Quello non c’è nel nostro catalogo. (ride)

ETTORE – Ma alura cusa vöt ca m’interesa töti cli robi le.

FORTUNATA – Spero che lei stia scherzando, perché guardi che non posso procurarle una prostituta, sarebbe anche illegale.

ETTORE – Che pecà, parchè me sares dispost a pagà ben.

FORTUNATA – Ah si . . . cosa intende per pagare bene?

ETTORE – Su mia, sent, dušent, anca trešent euro.

FORTUNATA – Ah . . . ma . . . anche 500 euro?

ETTORE – Cuiombrici! Par sinsent euro, agh völ na roba da prema categoria.

FORTUNATA – (alzandosi, va verso di lui) Per esempio, io potrei andare bene?

ETTORE – Ohh, se, se, ecome. Ma le la det che cal servisiu che agh la mia in dal su  catalugo.

FORTUNATA – Possiamo fare un’eccezione . . . e allungare la lista del catalogo, con questo nuovo servizio.

ETTORE – Alura la slunga pör al catalugo. Comincio a cavarmi, a cavarmi  . . . le braghe? Quel me su specialista.

FORTUNATA – (mettendogli le braccia sul collo mentre lui è seduto) No, prima sarebbe meglio che vada a prendere i soldi, così poi possiamo procedere . . .

ETTORE – Che calur ca mè gni. Va ben, sl’è necesari, a vagh a töi subit.

FORTUNATA – Grazie. (Ettore eccitato, esce per andare a prendere i soldi, mentre Fortunata dalla borsetta prende specchietto e trucchi e si sistema. In quel momento entra Rosa che vedendo la donna si avvicina verso di lei)

Scena 7

Fortunata Rosa

 (dopo averla guardata bene, mentre Fortunata  è intenta a truccarsi, interviene)

ROSA – Va che püsè da quel cl’è la dventa mia.

FORTUNATA – (spaventata si alza dalla sedia) Oh Dio! Non l’avevo sentita, piacere sono Fortunata.

ROSA – Sl’è furtunada mèi par le.

FORTUNATA – No, Fortunata è il mio nome.

ROSA – Ma valà, na volta quand a stavi in campagna, ghevi na vaca in dla stala cl’as ciamava propria Fortunata. Ma la ma sculta signora Fortunata, ma le èla quela dei servizi a domicilio?

FORTUNATA – Proprio io.

ROSA – Ma èl tant cl’è che?

FORTUNATA – Da un po, ho parlato con il signor Ettore.

ROSA – Cun Etore? Cusa central lu? Su sta me a ciamala par i servizi a domicilio, l’è me ca gh’hu ad bisogn.

FORTUNATA – Si, ma vede, adesso ho appena inserito una nuova categoria  di servizio.

ROSA – Ben cusa völ di cla cambià categoria?

FORTUNATA – Diciamo che è sempre un servizio a domicilio, ma un po più particolare.

ROSA – La gnarà mia a spasà in ca? (ride)

FORTUNATA – Diciamo che è un sinonimo.

ROSA – (perplessa) Sinonimo, la lasa sta sinonimo, che me al cunosi gnanca. La sagueta giragh inturan, ma cusa saresal?

FORTUNATA – Diciamo . . .

ROSA – Diciamo, diciamo, però lal dis mia.

FORTUNATA – Provo a dirglielo in modo semplice, aiutiamo le persone che desiderano un po di compagnia, ma con un po più di intimità . . .

ROSA – Cat vegna an culp! Alura cume quela ca gh’evi me na volta in dla stala. Va che cla categuria le, la gh’ha anca an nom.

FORTUNATA – Ah ma può anche dirlo, senza usare alcun sinonimo.

ROSA – Ancora cun sta sinonimo, ma varda, l’am faga an piašer, quel cla völ fa, la vaga a fal da n’atra banda che che a gh’ha bisogn nisun.

FORTUNATA – Non è vero, Ettore ha bisogno, mi ha detto che è anche urgente, quindi lo aspetto.

ROSA  - At piasares, ma care te, via valà. (E cerca quasi di spingerla fuori)

FORTUNATA – Ma scusi, perché dovrei andarmene?

ROSA – Parchè le la cambià categuria, ma la sbaglià casa. (la spinge ancora per farla andare fuori)

FORTUNATA – Che modi! Ma insomma!

ROSA – Vada, vada, e non si faccia più vedere. (la spinge finalmente fuori, tra le proteste di Fortunata e poi chiude la porta) Le, ma va chesta che pretesi de. (riapre la porta e gli dice qualcosa) Vèè siura Fortunata, l’am salöta sinonimo. (richiude la porta) Ma va se na dona la gh’ha da ridusas acse, servizi particolari a domicilio, ma par piašer. (entra baldanzoso Ettore con i 500 euro in mano)

Scena 8

Rosa – Ettore

ETTORE – Ma, induva èla andada la siura Fortunata?

ROSA – La siura Fortunata, l’è andada via, l’è andada via  con sinonimo.

ETTORE – Come? Ma sa gh’evum . . .

ROSA – Cusa gh’evat da fa? (prendendogli i soldi di mano).

ETTORE – Cusa fèt?! Va ca iè miu chi soldi le, l’è töt qual ca gh’hu.

ROSA – Fa cunt c’at t’iabia ša spes cun la siura Furtunata, e sa ‘iè ša spes, a tagh iè pö. (nascondendosi i soldi fra i vestiti)

ETTORE – Ah . . . ma . . . u mia fat gnint però.

ROSA – Imagina, imagina.

ETTORE – Ma nona l’è na vita ch’imagini, su bèla stof d’imaginà. Pu at gh’è i me besi.

ROSA – Oh cusa vöt vardà cli robi le, pu iè soldi ca restà in famiglia.

ETTORE – Ma s’at di sempar che chesta l’è mia la tu famiglia.

ROSA – Se, ma quant as trata ad bèsi, la famiglia la centra sempre.

ETTORE – Valà ca ta mè fat perdar n’ucasiun.

ROSA – N’ucasiun cun ca la? Ma th’ag navrè a d’iucasiun, at sé ancora tant šuvan.

ETTORE – Se te at gh’è sempar da metat in meša, dam indre i mè bèsi valà!

ROSA – I bèsi su me induva meti, i va in an post sicur.

ETTORE – Va che sa cati al tu möc, ti porti via töti.

ROSA – Eh se, at piasares, va che tu madar la ciamà la Digos, al Ris di Parma, al comisario Montalbano, ma di mè bèsi gnanca l’ombra.

ETTORE – Ma va che ciavada.

ROSA – Te c’at pensavi da fala. (ride, avviandosi per uscire dalla porta interna) A vaghi ca gh’hu da tö šo la pastiglia.

ETTORE – Se va via, atse at vedi mia.

ROSA – Mè ša pasà anca l’urari . . . (all’improvviso Rosa si sente male) Ohh Signur che girament. (Si appoggia alla tavola, e poi si siede sulla sedia, con Ettore che si avvicina)

ROSA – Pian c’am senti.

ETTORE – Cusa gh’èt nona?

ROSA – Ma, an girament varda. (Ettore avvicinatosi, cerca di approfittarne, per  prendergli i soldi) Vè, cusa fet? (fermandolo)

ETTORE – Ta stè mal, ma l’os tal moli mia.

ROSA – Lasa le valà, ca stagh mia ben, am pasa mia

ETTORE – Ca sia la presiun?

ROSA – Al su mia . . . ma Diu . . . (Rosa sembra quasi svenuta)

ETTORE – Nona? (non risponde) La rispond pö, la sarà mia dre morar né.

ROSA – Ma va da via al cul!

ETTORE – Eh, ma at rispundevi pö, sares mèi ca th’am diga induva at gh’è i tu bèsi, che sat gh’esi da morar, ch’ièl ca ia cata dopu.

ROSA – Vè, at vè da via al cul par la seconda volta!

ETTORE – Ma sa gh’es da sucedar, ch’ìèl c’at cata i bèsi?

ROSA – A stagh ša mèi, e dre pasam.

ETTORE – Meno male. (poi voltandosi) Che sfiga.

ROSA – (si alza e gli da un calcio nel sedere) To!

ETTORE – Cusa fèt?

ROSA – Va ca tu sentì.

ETTORE – Ma schersavi.

ROSA – Va che par ades a mori mia, quindi a vagh a tö la pastiglia, a l’è anca tardi (si appresta ad uscire)

ETTORE – Quel sla gh’es da fermas in gula.

ROSA – Vè stupidlot, tu sentì vè.

ETTORE – Vaca miseria, ma te at senti mei da me.

ROSA – Certu, va ca gh’è nisun ca sta dre a me, queli a dla mè età iè bèla morti töti. (uscendo) Agh né restà gnanch öna! (Ettore rimane solo e come al solito si aggiusta nervosamente quello che indossa andando allo specchio)

ETTORE – Ma öna c’am vaga ben no. Ades la ma purtà via anca i mè besi. Cusa gh’evi da fa, dagh di sberlun? Cusa fala po cun töti i bèsi cla gh’ha, chisà induva la ia tegn. La ciapa la pensiun, ma in ca la da gnanca n’euro. (continua a sistemarsi e guardarsi allo specchio, poi entra Tina agitata, gridando)

Scena 9

Ettore – Tina a seguire Rinaldo

TINA – Ma Diu! Ma Diu la Rosa!

ETTORE – E’la morta?

TINA – Ma no, la sé cagada ados!

ETTORE – Anca quel? Che schifu!

TINA – Varda me vöi gnaca savil, ades a vagh via cun tu padar. (entra Rinaldo)

RINALDO – Andom, andom.

TINA – Se se, las rangiarà, gh’hu det tanti volti da metas al panolone.

ETTORE – Ma come. (cosi frettolosamente escono) Ma am lasè che cun la nona smerdenta? Ma va che robi, i scapa via lor. (si avvicina alla porta interna) Senti che udur, ma no! (va ad aprire la finestra imprecando). Va sa gh’ha da sucedar na roba acse. (suonano al campanello d’ingresso) L’è propria al mument giöst da vegnar in ca nostra cun l’udur ca gh’è. (va verso la finestra cercando di far uscire l’odore con le mani, poi va ad aprire alla signora Rosanna)

Scena 10

Ettore – Rosanna

ETTORE – Buonasera.

ROSANNA – Buonasera, sono Rosanna.

ETTORE – Prego, (entra) piacere. (si danno la mano)

ROSANNA – Sono qui per istruirla, sa chi mi manda, giusto?

ETTORE – Al so se, alura finalmente le l’è quela giösta, mia cume quela da prema. La s’acomuda.

ROSANNA – Chiedo scusa, ma sento un odore.

ETTORE – Ah, è . . .  che hanno dato la piscina nei campi qua vicino.

ROSANNA – Capisco, so che è un orario un po insolito, però era importante che potessi venirla a trovare.

ETTORE – Ah, ma l’urari al va benisim, i miu iè föra, me nona l’è impegnada . . . e agh dighi mia par cosa.

ROSANNA – Se vuole possiamo già iniziare. (prendendo dalla  borsa un opuscolo)

ETTORE – Ah ma me aspetavi atar.

ROSANNA – Vede però signor Ettore, sarà meglio che lei parli in italiano, durante le lezioni.

ETTORE – Ah se? Mai savì che par quel ca gh’è da fa a gh’e da parlà in italian.

ROSANNA – Certo è importante, comunque su questo opuscolo ci sono tutte le posizioni che dobbiamo fare, lei ha qualche preferenza?

ETTORE – Ah me gh’hu d’imparà, par me va ben töt, qualsiasi pusisiun.

ROSANNA – Ha un quaderno?

ETTORE – Me no, parchè a gh’è da fa prema la prova screta? (ride, con Rosanna perplessa) Però ades èl  mia mei c’andoma in camera da lèt?

ROSANNA – In camera da letto? Ma per quale motivo?

ETTORE – Atseta, as metoma in sal lèt no, sa sta püsè comud, as fa sensa a fa la prova screta, pasom subit quela pratica. Vedi l’ura da cavam šo

ROSANNA – Ma cosa sta dicendo? Guardi che io sono la professoressa che deve farla studiare per prendere la licenza di scuola media.

ETTORE – (alzandosi) Ahh? Ma dai, la prufesuresa, ma alura su propria sfurtunà! Gnanca stavolta l’è andada ben. Chisà induva lè quela ca gheva da vegnar.

ROSANNA – (anche lei si alza) Per chi mi ha preso insomma! Per una di quelle! Ma vogliamo scherzare! La saluto.

ETTORE – Ma no, va ben, la staga che, bisogna ca ciapa la tersa media.

ROSANNA – Guardi, adesso vado via che è meglio. Non è serata. (ed esce velocemente arrabbiata)

ETTORE – Non è serata? Ma me cusa duvres di alura. Dim induva lè quela ca gh’eva da vegnar?! Mai ca vegna quela giösta, quela ca speti. (in questo momento dalla parte della porta interna entra lentamente Rosa, tenendosi la sottana fra le mani)

Scena 11

Ettore – Rosa

ROSA – Eture . . . (lo dice piano) Eture . . . (Ettore sente e si volta)

ETTORE – Ahhh! (facendo un salto) Ma te at sé mia quela ca spetavi, ma dai!!! Varda cusa am toca vedar, ma va dad la, senti che udur!

ROSA – Iotum Eture . . .  l’am casca dapartöt.

ETTORE – E cusa duvres fa, catala sö cun al cucerin?

ROSA – Ma èt capì cusa mè sucès?

ETTORE – Varda te su mia capì! Ma cume mai tè suces na roba genar?

ROSA – Su mia, u tolt šo la pastiglia, u vest cl’era lunga e la spusava am po, ma cat, lu tolta šo listes . . . am sa cu sbaglià pastiglia e u mandà šo na suposta.

ETTORE – Ma dai, cuma as fa?

ROSA – Eh cuma as fa, lu fat, e tu madar e tu padar iè scapà via, me cun al prublema dla schena, bisogna ca t’am iöta te a cavam li mudandi.

ETTORE – Ahh! Va se me at cavi li mudandi. A gh’evi da cavali an qualdun atra stasera, inveci va cusa am töca ad ciucià!

ROSA – Al fat a lè che in dli mudandi gh’u mes i bèsi.

ETTORE – Anca!! Chisà ades cuma iè mes chi soldi le!

ROSA – Dai che dopu ad dagh la mancia.

ETTORE – La mancia cun i me bèsi, par šunta smerdent! (poi non potendo fare altro) Dai valà andom in bagn.

ROSA – (lentamente si avvia ad uscire per andare in bagno) Va cusa gh’eva ad sucedum.

ETTORE – Li mudandi però th’at ia cavi te, me at ia cavi mia ad sicur. Dai avanti, va ca than perdi! Va sa spöl. Che giurnada da merda! (standogli dietro si sposta cercando di evitare di calpestarla).

ROSA – Induva èl al bagn Eture?

ETTORE – Come induva lè, ma le a destra le, al sèt pö?

ROSA – U pers l’urientament cun cla roba che in mesa a li gambi.

ETTORE – Signur iötum. (escono)

Si chiude il sipario e poi si riapre dicendo “Un’ora dopo”

Scena 1

 Ettore a seguire Rosa

(in scena Ettore che tutto cambiato, come sempre si aggiusta e si sistema)

ETTORE – Su duvì cambiam töt, u fat na sudada, e u vest a dli robi che in dla mè vita iu mai vesti. Stanot su sicur d’imsugnamal. (entra Rosa anche lei tutta cambiata)

ROSA – Vè Eture. (accomodante e meno dispotica)

ETTORE – Cusa gh’è?

ROSA – Vulevi dat la mancia, ca ta mè iutà. (cercando di allungargli dei soldi, lui li guarda bene con attenzione)

ETTORE – I sarà mia quei ch’at gh’evi in dli mudandi?

ROSA – Ma sta mia strulicà ades.

ETTORE – No, a strolichi, ecome sa strolichi.

ROSA – Varda ca iu lavà ben, su mia quanti volti, gh’hu fin dat sö dal deodorante, senti cuma i prufoma.

ETTORE – (ritraendosi) No, a voi mia sentar, sul a pensà induva iè sta.

ROSA – Ma dai sta mia fa al sufistich, i bèsi iè bèsi.

ETTORE – No no, me chi le i vöi mia.

ROSA – Ben gnint, alura a vaghi a meti in dal mè möc. Pensa chi prufoma atar chi spösa. (dicendo così se li mette sotto il naso, e rimane disgustata perché non profumano affatto. Esce)

ETTORE – Va se me am meti in dal purtafoi chi bèsi le. Me ca pensavi ad fnì la giurnada in n’atra manera, inveci pès dad se la pudeva mia andà. (va ancora allo specchio a guardarsi e aggiustarsi e in quel mentre entrano il padre, la madre e il sindaco).

Scena 13

Ettore – Rinaldo – Tina – Sergio

RINALDO – Oh ma che temp.

ETTORE – Sa si ša che? (Sergio saluta)

TINA – E’ sucès ca sé mes a piovar e soma scapà töti, par furtuna om catà Sergio, e al sa purtà a casa lu.

RINALDO – L’è propria na sera da merda.

ETTORE – Sta mia parlam da merda, no parchè vuatar si scapà via, ma al magun u duvì mandal šo me. In bagn agh n’era dapartot!

TINA – Oh ades.

ETTORE – Cušèl, la rampava fin so par li matuneli!

SERGIO – L’è stada alura na bröta giurnada Etore?

ETTORE – Bröta? Püsè, anca par via da atri robi, ch’iè mia andadi cuma li gh’eva d’andà.

TINA – Ben nuatar andoma dadla a cambias e metar so an cafè, ma sentat šo Sergio.

SERGIO – Grasie. (si siede)

RINALDO – Se me bisogna cam cambia la camisa, parchè l’è töta moia. (i due escono, mentre Sergio è seduto e Ettore è in piedi, entrambi si aggiustano e sistemano l’abbigliamento piu o meno nello stesso modo)

SERGIO – Ettore, a parte quel che sucès cun tu nona, cuma andom?

ETTORE – (avvicinandosi) Insoma, prema è gni la prufesuresa.

SERGIO – Ah se, alura èt bela cumincià li lesiun?

ETTORE – Eh la lesiun, as som mia capì. Pu me m’intendevi atri lesiun. Ma al ma sculta, vulevi dmandagh na roba.

SERGIO – Dim pör, fa cuma sa fös tu padar.

ETTORE – E’cu, a pruposit, a gh’è dli vus in paes chi dis che lu al gh’ha an fiöl.

SERGIO – An fiöl me, ma valà. (ride).

ETTORE – Inveci me pensavi da esar me cal fiöl le.

SERGIO – Te? (ride ancora) ma cuma fet a di na roba acse? Sta mia scultà quel ca dis la gent, iè töti bali.

ETTORE – Ma gh’hu al suspet che lu cun me madar na volta agh fos sta quèl . . .

SERGIO – Cun tu madar, a gh’è sempar sta na gran amicisia, sevum davsin da ca, e quand a gh’è sta cla grosa fiucada ani fa, che con la mè famiglia u duvì lasà la casa, la famiglia ad tu madar i sa iutà, par quel me su sempar riconoscente. (si alza e va vicino a Ettore) Pu, gh’hu anca da dit, ca sares impusibul, parchè me . . . (prendendogli una mano e accarezzandola) me am pias i’om. (Ettore rimane come paralizzato e si scosta fino quasi alla parete).

SERGIO – Ma induva vèt? Da cusa gh’èt paura?

ETTORE – Va fnì che dopu me nona ades am caghi ados me.

SERGIO – E’t capì comunque cl’è impusibul che te at sia mè fiöl.

ETTORE – E me c’am sevi ša muntà la testa pensando da esar al fiöl dal sindach. Alura a su fiöl da me padar.

SERGIO – Certu, fiöl ad tu padar, Rinaldo.

ETTORE – Però in fond, a su cuntent da esar fiöl ad mè padar, e che me madar la sia na brava dona, se su propria cuntent. (rientrano Tina e Rinaldo)

Scena 14

Ettore – Sergio – Tina – Rinaldo a seguire Rosa

ETTORE – (correndo incontro al padre) Pupà, pupà, a su tu fiöl! (abbracciandolo)

SERGIO – Ben cusa fèt? La merda tala dat a la testa.

TINA – Mah.

ETTORE – No, a l’è che te at sé me padar!

RINALDO – Certu ca su tu padar, e le a lè tu madar. (entra Rosa)

ROSA – Ma però me su mia la nona!

RINALDO – At pareva te, sa saltava mia föra ancor cla fola le.

ROSA – L’è mia tanta na fola. (tutti gli dicono qualcosa, cercando di farla desistere dalla sua convinzione. Poi ad un certo punto Rosa si china su sé stessa mettendosi la mano sulla pancia).

ROSA – Uhh Signur! Cusa è dre sucedum!

ETTORE – Ancora!!?

TINA – Ma no!

RINALDO – Mama!

ROSA – Ohhh, che robi . . . (poi si radrizza ridendo, perché stava scherzando) I ciapà paura ah?

(Tutti si sentono sollevati e gli dicono qualcosa, per questo suo scherzo)

 

 

FINE

 

Al fiöl dal sindach
Al fiol dal sindach.docx
Documento Microsoft Word [71.4 KB]
Stampa Stampa | Mappa del sito
© 2019 Franco Zaffanella - Gabbiana - Mantova