An matrimoni l'è par sempar

 

 

An matrimoni l’è par sempar

 

 

Gabbiana

2002

 

 

Personaggi:

 

Luigi Larone – Il padre

Teresa – La madre

Daniela – La figlia

Pasquale – Fidanzato di Daniela

Rosalino – Amico mago

Suor Celeste – Suora

Martino – Fotografo

Rosaria – Mamma di Pasquale

 

 

La commedia riporta in scena i personaggi di “Schers ad carnuval”, coinvolti in vicende che sono la diretta conseguenza degli avvenimenti di quella storia. Due nuovi personaggi entrano nella storia che si incentra nel matrimonio fra Daniela e Pasquale.  

 

 

PRIMO ATTO

Scena 1

Luigi a seguire Rosalino e Teresa

(Luigi è solo in scena intento a modellare una piantina di bonsai, sua nuova passione).

LUIGI - Che belesa . . . chesto se ca l’è an capulavoro.

(si alza dalla sedia guardando da tutte le parti la piantina, perfino alzandosi sulla sedia guardando dall’alto). Che meraviglia . . . però forsi ag vuria via cal toc che . . .

(entra in scena Rosalino con le mani protese in avanti tenendo la sfera magica e mugugnando).

ROSALINO - Mhh, (Luigi lo guarda seccato).

LUIGI - Varda che chestu l’è mia l’areuportu.

ROSALINO - Mhh . . . Luigi!

LUIGI - Va che incö la presiun at la provi mia vè!

ROSALINO - Mhh . . . no gh’è che in cla ca che gh’è quèl ca va mia.

LUIGI - Al so, th’ag sè te ca va mia.

ROSALINO - Mhh . . . ohh . . . cusa gh’è! (muovendosi nella stanza, entra Teresa arrabbiata)

TERESA - A gh’è ca sè brušà l’arost!

ROSALINO - (facendo un salto) E’cu, sè brušà l’arost!

LUIGI - (facendo anche lui un salto). Ecu, ca som sensa sena!

TERESA - At sè ca su föra in dl’ort, ma èt mia sentì l’udur da strin!?

ROSALINO - E’t mia sentì l’udur da strin!? (ripetendo).

LUIGI - Cun quel ca su dre fa varda sa senti l’udur da strin.

TERESA - Ma certu, at gh’è da pensà a la tu pianta, stasera at magnarè cla le!

ROSALINO - Se stasera at magnarè cla le! Me no! Me.

TERESA - Sares mei ch’at gh’esi da dam na man in dl’ort vè! E metar ad na banda cla pianta sbrumbulada.

LUIGI - Varda se al Signur al gh’es tolt la parola a li doni, l’avres fat al pusè bel supramobil ch’ag fos in sla tèra!

TERESA - Se inveci al Signur al gh’es tolt l’inteligensa a i’om, a te al tares tolt gnint! Va ben töt ma par ch’at sapia gnanca che da che du de a sa  spuša tu fiola, e me a gh’hu da pensà a töt, te at gh’è sul in dla testa cla pianta le!                                       

LUIGI - Chesta l’è mia na pianta qualsiasi, l’è an bonsai! E pu a spušaš a lè tu fiola at sè mia te cara!

ROSALINO - Oh cume at se, parchè l’è spušada cun te sinò la Teresa la spušares me.

TERESA - Grasie Rosalino, at pararesi an stopid inveci . . .

ROSALINO - Ahhh!?

TERESA - A vulevi di cat sè an brau om.

LUIGI - Te Rusalino se pasadman sa spuša me fiola l’e anca culpa tua, at sè sta te a di cla sa spušava al 15 da giogn.                   

ROSALINO - E am su mia sbaglià, che mago ca su!

LUIGI - Ma lasa le, ma te li tu magii podat mia andà a fali a . . .

ROSALINO - A la televisiun? In teatar? In na qual post turistic? Sumia,a Rimini? A Sanremo? A Varazze?

LUIGI - Te al masim at po andà a le Casazze!

TERESA - Luigi ma ades meti via töti li tu robi le, at gh’è oc sul par quel, varda ch’at gh’è anca na muier vè! (uscendo).

ROSALINO - Se at gh’è anca na muier, la Teresa.

LUIGI - (avvicinandosi alla porta dove è uscita Teresa) Varda che chestu Teresa però ag vegn mia al mal da testa! Ma va cusa am toca sentar.

ROSALINO - Vè Luigi però da cume as piega in sa, gu idea che anca cla pianta le ag vegn al mal da testa.

LUIGI - (preoccupato) Ma cusa dit! Ma induvel cla spiega!? Ma valà . . . ma varda che perfesiun, che armonia, atarchè.

ROSALINO - Se ma varda anca tu muier, sinò l’as na al mal, u vöt cla varda me? (avvicinandosi a Luigi).

LUIGI - Te lè mei ch’at varda in dla tu bala.

ROSALINO - Ma se, va ca su dre schersà, ascultum

putost ma èl vera ca gh’ha da vegnar ospite che da vuatar, la madar da Pasquale?

LUIGI - Se se, (guardando l’orologio) la duvria esar ša che, l’uspitom fina a sabat, puvreta l’è anca veduva e Pasquale al sa dmandà an piaser, cusa vöt, nu mandà šo tanti, a mandi šo anca chesta.

ROSALINO - Ma quanti ani gh’ala?

LUIGI - Boh, la sarà na vecia rampugnenta, ahha ahha . . . (suonano alla porta).

LUIGI - Forsi l’è chesta. (va ad aprire alla porta).

Scena 2

Luigi - Rosalino – Rosaria

(si presenta sulla porta elegantissima con in mano una valigia, la signora Rosaria,

lasciando meravigliati Luigi e Rosalino).

ROSARIA - Buonasera. (appoggiando la valigia).

LUIGI e ROSALINO - Buona . . . buonasera.

ROSARIA - Sono Rosaria, la mamma di Pasquale.

LUIGI - E me su Luigi, Luigi Larone.(si danno la mano).

ROSALINO - E me a su  . . . (viene con un braccio spostato da Luigi).

ROSARIA - Molto lieto signor Luigi, finalmente ci conosciamo.

LUIGI - Eh, a’som sempar sentì par telefunu, ala fat an bun vias?

ROSARIA - Bellissimo grazie, a me piace molto viaggiare.

LUIGI - Anca me, anca me am pias viaggiare.

ROSALINO - Ma s’at sè mai andà in sünsit. (Luigi lo rimanda indietro con il braccio).

LUIGI – Scusi, sa è . . . lè al nostar elettricista, (poi rivolgendosi a          Rosalino). Alura Rosalino quant a tè fni da giustà al lampadari s’at po purtasal te a th’as fè an piaser (accompagnandolo fuori).

ROSALINO - Ma . . . ma, ma me . . .

LUIGI - Ciao, ciao Rosalino.

ROSALINO - Ma Luigi, ma gontia d’andà via?

LUIGI - Se Rosalino, se. (Rosalino esce).

LUIGI - La ma scusa nè, ma siura Rosaria a capesla al nostar dialet?

ROSARIA - Ma certo, sono stata 5 anni qui a Mantova, lavoravo alla Lubiam, e so bene quanto voi mantovani siete legati al dialetto, come i napoletani del resto.

LUIGI - Eh se la gh’ha pran rašun.

ROSARIA - Ma non c’è sua moglie?

LUIGI - Chi?

ROSARIA - Ma sua moglie la signora Teresa.

LUIGI - La signora Teresa? . . . Ah me muier, ades la ciami. (accostandosi alla porta).

Signora Teresa, signora Teresa, Teresa!!!

Scena 3

Lugi - Rosaria - Teresa

TERESA - Cusa gh’è? (poi vede Rosaria) Ah ma buonasera, immagini cla sia la madar da Pasquale?                              

ROSARIA - Si signora Teresa sono Rosaria. (gli da la mano).

TERESA - Buonasera, piacere, e ben arrivata, ma la s’acomuda.

ROSARIA - Grazie, ma vorrei solo poter fare un bagno rilassante.

TERESA - Ma certu l’acumpagni subit in dla camara ca gh’om parcià.

LUIGI - Ag pensi me Teresa, (prendendo la valigia) la vegna siura Rosaria, la vegna la valis ag la porti me.

ROSARIA - Grazie molto gentile. (si apprestano ad uscire).                                      

LUIGI - Se dopu la vol fa al bagn la vegn šo la in fond al coridoiu la porta a destra.

TERESA - A sinistra Luigi!

LUIGI - Come a sinistra? As sarà mia spustà al bagn.

(Luigi si sporge all’interno del corridoio per  sincerarsi della posizione del bagno,e rientra subito dopo).

LUIGI - A sinistra siura Rosaria, am su cunfus.

TERESA - Calmat Luigi che dopu la presiun invece da Rosalino a gabioma mia da pruvatla a te.

LUIGI - La vegna siura Rosaria, atenti al scalin nè cla vaga mia a cascà, fin par carità.

(i due escono di scena).

TERESA - Ma quanti premuri, al gh’ha gnanca po in ment  la su pianta, (ironicamente). La vegna siura Rosaria, ach porti la valis, atenti al scalin.

Scena 4

Teresa - Pasquale - Daniela a seguire Luigi.

(entrano Pasquale e Daniela che stanno parlando tra loro).

PASQUALE - Buongiorno signora.

DANIELA - Mama è ša rivà la madar da Pasquale.

TERESA - Se l’è pena rivada, tu padar al la cumpagnada in camera parchè l’era straca.

PASQUALE - Ah bene, adesso sono più tranquillo, la saluteremo più tardi allora.

DANIELA - Se atseta nuatar pudoma andà dal fiurista.

PASQUALE - Certo così poi siamo a posto.( entra luigi).

LUIGI - Ciau putei, alura gh’è töt a post?

PASQUALE - Si si, tutto bene, allora signor Luigi come trova mia mamma?

LUIGI - Ah . . . l’è . . . se l’è na, lè na dona.   

DANIELA - Ma cusa gh’èt pupa?                                                

TERESA - Tu padar l’è andà an po in cunfusiun vè.

LUIGI - Ma quala cunfusiun, ma lasa le.

DANIELA - Va bè andiamo Pasquale.

PASQUALE - Si andiamo, ah signor Luigi, (avvicinandosi) prima che mi dimentichi, si ricordi sabato la busta per il prete.

LUIGI - Se se me am la ricordi la bosta par al pret, ma te ricordat  da metag dentar i besi.

TERESA - Ma Luigi.

PASQUALE - Ah ma io pensavo . . .

DANIELA - Pupà Pasquale al pensava . . .

LUIGI - E pensè cusa vulì cav diga, pensegh pöri.

PASQUALE - Va bene ci penserò io.                                                    

LUIGI - E’t vest che forsa ad pensà, quèl è gni föra.

DANIELA - Andiamo adesso Pasquale prima che chiudino il negozio, as vedom pusè tardi.

TERESA - Va ben ciao.

LUIGI - Ciao, ciao. (Pasquale e Daniela escono).

TERESA - Ma Luigi pudevom mia nuatar fa la bosta par al pret? Bisogna iutai no, at vedi che par sparà an qual franc i fa gnanca al prans da nosi.

LUIGI - Ma sta mia gnanca a famal vegnar in dla ment, va s’as pol fa an nosi sensa prans, cun sul an qual invità. Va che anca la siura Rosaria par via dal prans l’è negra cume al capel cla gh’eva in testa.

TERESA - Me inveci su cuntenta anca atsé, ascultum ades a vaghi in butega a tö quel, visto ca sè brušà l’arost.

LUIGI - Va ben. (Teresa prende il borsellino dal cassetto della vetrina e poi entra nell’altra stanza,mentre Luigi si porta vicino alla pianta iniziando a pulire le foglioline una a una. Poi esce Teresa con una sporta apprestandosi ad uscire di casa).

TERESA - A vaghi. (Luigi non risponde). A vaghi. (Luigi non risponde intento con il suo bonsai e Teresa si lascia andare ad un gesto di insofferenza verso Luigi. Poco dopo compare sulla porta interna la signora Rosaria indossando un accappatoio).

Scena 5

Luigi-Rosaria a seguire Rosalino.

ROSARIA - Signor Luigi. . .

LUIGI - Ahh?                                                                                          

ROSARIA Allora il bagno è a destra o a sinistra . . . ?

LUIGI - (imbarazzato dal tono e dall’avvenenza di Rosaria) Ahh  . . . al bagn, aaa . . . ma am par a sinistra siura Rosaria, (guardando ancora) se è a sinistra.

ROSARIA - Lei signor Luigi è proprio una persona di cuore, e complimenti per la casa è molto bella.

LUIGI - Grasie, grasie, l’è nostra e sercoma da tengla ben.

ROSARIA - Sa da quando sono rimasta senza mio marito, non mi sono più sentita di prendere una casa.

LUIGI - Ah capesi, d’altronde.

ROSARIA - Ormai sono sette anni che sono vedova.

LUIGI - Sèt ani!

ROSARIA - (avvicinandosi a Luigi) E sa signor Luigi che da allora . . . non sono più stata  con un uomo.

LUIGI - Ah . . . po cun n’om? Ma le siura Rosaria l’è amö na bel dona.    

ROSARIA - Si ma vede non è così semplice, sapesse quante volte mi prende la voglia di abbracciare un uomo. (Rosaria esce lasciando Luigi imbambolato che la va a seguire fisicamente e con lo sguardo, chiudendo gli occhi poi ripete l’ultima frase di Rosaria mentre in quel momento entra Rosalino).

LUIGI -  . . . Mi prende la voglia di abbracciare un uomo.

ROSALINO - Sa fös mia Luigi parchè at cunosi a dires ch’at sè pasà da cl’atra banda.

LUIGI - Ma tasi te ch’at capesi gnint, e pu prema ad vegnar dentar suna al campanel par piaser.

ROSALINO - Va bene caro suonerò il campanello. (in modo ironico).

LUIGI - Ma at gh’è propria la facia da stopid, e me muier cla vulì invitat a nosi, acseta sabat a gh’hu da supurtat töta la giurnada.

ROSALINO - Vè ma dim putost induva è andà la siura Rosaria?

LUIGI - Ma cusa gh’ha d’interesàt a te, l’e andada a fa an bagn, un bagno rilassante.  

ROSALINO - Ah l’è andada a fa al bagn . . . (avvicinandosi a Luigi e parlandogli sottovoce). Vè e s’andoma a bušà da la ciusera?

LUIGI - Ma valà cuša dit, guardone! (ritornando a guardare il suo bonsai poi ci ripensa e indica a Rosalino di seguirlo. I due quatti quatti escono dalla  porta centrale per andare verso la porta del bagno per spiare Rosaria. Escono di scena e poco dopo si sentono commenti vari su quello che vedono).

Scena 6

Teresa - Rosalino - Luigi a seguire Suor Celesta.

(Teresa entra in casa con la borsa della spesa).

TERESA - Varda amö cla pianta le in sla tavula. (si presta ad uscire dalla porta centrale e qui intravede Luigi e Rosalino intenti a spiare dalla porta del bagno la signora Rosaria).

TERESA - Luigi!!!. (I due spaventati ritornano in scena, con Teresa che li guarda molto arrabbiata).

TERESA - Ma te Luigi a la tu età metat a vardà dal bus dla ciušèra!? Ma gh’èt mia vargogna!?

ROSALINO - Eh, gh’èt mia vargogna.

TERESA - Te tasi Rusalino ch’at sevi anca te la a cul busun!

LUIGI - Oh ma ades quanti tragedi, insoma cusa om fat da mal? Soma andà vedar che magari l’as stes mia mal.

TERESA - Se acseta tag favi la respirasiun boca a boca nè!

LUIGI - Eh sa gh’era ad bisogn . . . (avvicinandosi allo specchio per guardarsi e aggiustarsi i capelli) . . . as pudeva anca fal.

TERESA - Ma valà, th’am fè fin pena! Eh speciat ch’at sè bel! Met via cla pianta le putost ca gh’hu da parcià la tavula, (Uscendo) ma che robi, as gh’ha ma la fin da cunosi i’om.        

LUIGI - Ma se. (togliendo la pianta dal tavolo e mettendola sopra la credenza).

ROSALINO - Vè Luigi èt vest, la gh’eva do sanfi mia da schers!

LUIGI - Sta mia fam pensà Luigi, sta mia fam pensà. (suona il campanello, Luigi va ad aprire mentre Rosalino si siede).

LUIGI - Ssssss . . . Avanti, avanti. (si presenta Suor Celesta).

SUOR CELESTA - Buongiorno a tuti.

LUIGI - Buongiorno Suor Celesta.

ROSALINO - Buongiorno, buongiorno.

SUOR CELESTA – Gh’ho portà e regao par i toši.

LUIGI - Ma grasie Suor Celesta ma gh’era mia bisogn da disturbas.(prende il regalo).

ROSALINO - Infati me Suor Celesta an su mia disturbà.                                  

SUOR CELESTA - Eh Rosalino sempre spiritoso, come  stalo?

ROSALINO - Ma ben, töt a post, anca la vista, ag vedi benissim.

SUOR CELESTA - Ma alo pena fato la visita oculitica?

ROSALINO - Da po Suor Celesta, da po.

LUIGI - Ala vest, sicome sabat al gh’ha da vegnar che al rinfresco a gh’è pasà töti i disturb, me inveci iè dre vegnum töti.

SUOR CELESTA - Ma al vaga anca lu siur Luigi a fare la visita oculistica come Rosalino.

ROSALINO - Ah ma al la pena fata anca lu vè Suor Celesta, oh ag ved ben ecome s’ac ved ben.

SUOR CELESTA – Ma da che oculista sio andà a far la visita?

ROSALINO – Som andà da la duturesa . . . da la ciušera.

SUOR CELESTA – Ma che nome strano, no gh’ho mai sentida. Ma ela de qua?

LUIGI – No le dad la, a sinistra. 

SUOR CELESTA – Ma no gh’ho capio, sabato comunque se catemo tuti.

ROSALINO - Töti, soma in du gat.

LUIGI - Eh acse a vulì i putei.

SUOR CELESTA - Certo gh’è da rispetar la volontà dei toši.

ROSALINO - Ah me, sa gh’es da spusam, (Luigi ride) invitares töt al paes, ma purtrop su daparme, e gh’esu da savì quand la matina an dismesci ca palpi d’adsà e palpi d’adla e senti ca gh’è nisun. . .

LUIGI – Sempar cun cla  föla Rosalino, dai insoma, ma as sentla mia Suor Celesta?

SUOR CELESTA - No te ringrasio ma devo andar via, se vedemo sabato alora.

LUIGI - Va ben, a sabat alura.

SUOR CELESTA - Mi ve speto in chiesa, vegno mia chi a casa.

LUIGI - Come la vol Suor Celesta, e grasie dal regal.

SUOR CELESTA - De niente, arivederci.

ROSALINO - (alzandosi) Pian Suor Celesta ca vegni anca me.

SUOR CELESTA - Andemo Rosalino femo la strada insieme.

LUIGI - Arvedas a sabat.

SUOR CELESTA - Arrivederci.

ROSALINO - Ciao, ciao.(i due escono con Luigi che li accompagna).

LUIGI - La cerimonia lè a li ondas nè.                                 

SUOR CELESTA - Lo so lo so.

(la scena è vuota ed entra la signora Rosaria con l’accappatoio e va a guardarsi allo specchio, subito dopo rientra Luigi).

Scena 7

Rosaria - Luigi a seguire Teresa

(rientra Luigi e vede Rosaria che si sta guardando allo specchio, la guarda con molta attenzione).

LUIGI - Siura Rosaria alura la bela fat al bagn?

ROSARIA - Oh si, ora mi sento veramente molto meglio, ma prima ho sentito delle urla, è successo qualcosa?

LUIGI - No, lè sta chè . . . è pasà l’urtulan cal sbraiava.

ROSARIA - Che strano, ho avuto anche la sensazione che qualcuno mi stesse spiando signor Luigi.

LUIGI - Ma no! Ma chiel ca pudeva vegnar a bušà, e pu l’am daga dal te, am ciama pör Luigi.

ROSARIA - Va bene come vuoi, allora tu può chiamarmi Rosi.

LUIGI - Ma grasie, at  ciamarò Rosi.

ROSARIA - Adesso vado a mettermi qualcosa, ci vediamo più tardi.

LUIGI - Si Rosi, a più tardi.(Rosaria esce e Luigi va davanti allo specchio ad ammirarsi e non sente che suonano alla porta).

LUIGI - Ma cume lu det ben . . . si Rosi a più tardi. . . buonasera Rosi . . . buonasera Rosi . . . (sempre guardandosi allo specchio).

Scena 8

Luigi-Teresa a seguire Rosaria                                      

TERESA – (entra Teresa) Varda che pusè da quel ca’t sè a t’adventi mia. (Luigi non sente).

TERESA - Ohh!!!

LUIGI - Ahh!!! Cusa gh’è?

TERESA - Ma sl’è töt incö ch’at sè davanti al spec, ch’at senti gnanca chi suna a la porta.

LUIGI - Ma me u sentì gnint, (andando ad aprire la porta) èt vest ca gh’è nisun!

TERESA - Al sarà anca andà via, se nisun a va a veršar.

LUIGI - L’è mia ca tè sentì per par pom.

TERESA - No u sentì ben, pos giurat ch’am su mia sbagliada.

LUIGI - Ma figuromas te ta sbagli mai, va ben ades a vaghi fa an bagn, un bagno rilassante.

TERESA - Ma caru, an bagno rilassante, e dopu a vegni a fat i masagin?

LUIGI - E pu th’am cati föra al vestì dli festi.

TERESA - Come al vestì dli festi, va che al matrimoni l’è sabat mia stasera.

LUIGI - Insoma a gh’oma n’ospite in ca bisogna vig an po ad rispet no.

TERESA - Ma fam al piaser Luigi e lasa le da di ad li cretinadi, vedi che quand e gni mè surela Marta che a magnà, te at sevi in braghi curti e canutiera.

LUIGI - Ma cusa vèt a catà föra ades. (entra in scena Rosaria vestita elegantemente).

ROSARIA - Eccovi qua, io non vi ho ancora ringraziato della vostra ospitalità.

LUIGI - Ma l’è al nostar duver.

TERESA - In fond dventoma parent.

ROSARIA - Si è vero, ma se c’è qualcosa che io possa fare ditelo, se vi serve una mano a fare qualcosa.

TERESA - Beh veramente ac saria  . . . (viene interrotta da Luigi).

LUIGI - Ma no, at sè nostra ospite, at vurè mia ch’at föma lavurà.

ROSARIA - Allora posso andare a fare un giretto in paese prima di cena.

LUIGI - Ma certu Rosi, ansi pos anca cumpagnat me. (cercando di seguirla,ma viene preso per il collo da dietro da Teresa).

TERESA - Te ta stè che!

LUIGI - Mahh . . .

ROSARIA - Allora ci vediamo più tardi, arrivederci.

TERESA - Arrivederci, arrivederci. (Rosaria esce)

TERESA - Ma certo Rosi, (ironicamente) anca dal te th’ag de ades!

LUIGI - Ma l’è stada le a dim da dag dal te.

TERESA - (invitandolo ad uscire per andare in bagno) Valà te putost d’an bagno rilassante le mei ch’at faga na docia freda! Dai parti che i cunt i föma dopu! 

 

 

FINE PRIMO ATTO

 

                                                                                             

SECONDO ATTO

 

Scena 1

Teresa - Luigi a seguire Rosalino

(è il giorno del matrimonio nella stanza ci sono fiori e sulla tavola c’è una tovaglia bianca. Luigi e Teresa sono ben vestiti, Luigi è davanti allo specchio mentre Teresa sta finendo di sistemare un vaso di fiori).

TERESA - Ecu stai ben?

LUIGI - Ma se, però as pudeva parcià  quel no.

TERESA - Ma praticament ac siom sul nuatar, quand dopu turnoma da la cieša alura tirom föra tot.

LUIGI - Ma la siura Rosaria sla vuleva tastà quel.

TERESA - La Rosi, cume at la ciami te la ša fat culasiun, e anca bundanta. (suonano alla porta Luigi va ad aprire mentre Teresa finisce di sistemare i fiori, ed entra Rosalino).

ROSALINO - Ciau a töti!

LUIGI - Sa tè sunà al campanel stamatina.

ROSALINO - E’ ma incö l’è na giurnada speciale, ah Teresa.

TERESA - L’è vera Rosalino, incö l’è mia na giurnada cume chiatri.

ROSALINO - Ma cume at sè bela Teresa, ma sèt che quasi tevi mia cunusì, at sè propria na bela dona.

TERESA - Grasie Rosalino, te se ch’at gh’è amö la vista buna.

LUIGI - Ohh.

ROSALINO - Certu ch’agh vedi ben, ma ascultum e la Daniela? E’la emusiunada?

TERESA - Ecome sl’è emosiunada, stamatina l’è levada sö a cinch e meša, ades a vaghi a vedar a che punto iè, gh’è sö la petnadura. (Teresa esce).

LUIGI - Am pareva che al 15 da giogn al fos tant luntan,inveci . . .

ROSALINO - Inveci . . . th’at ricordat l’ultima ad carnuval?

LUIGI - Ma, ma lasa perdar. (va a specchiarsi).

ROSALINO - Ma varda che bei fiur ca gh’è in sla tavula, e che bela tuvaia bianca, bela bianca propria, pulida . . . bianca.

LUIGI - (togliendosi dallo specchio). L’om parciada par dopo, quant è fni la mesa gnom töti che è fom an bel magnin.

ROSALINO - Ah ecu.                                                                                            

Scena 2

Rosalino - Luigi - Rosaria

ROSARIA - (entra Rosaria con toilette abbagliante). Buongiorno.

LUIGI - Buongiorno.

ROSALINO - Buongiorno.

ROSARIA - Oh ma c’è anche l’elettricista, e anche lei a nozze?

ROSALINO - Se la Daniela la vulì a töti costi ca gnes, e alura  . . .

LUIGI - L’è anca an nostar amic.

ROSARIA - Ma sa che c’è una lampada bruciata di sopra, visto che è qua potrebbe cambiarla no.

ROSALINO - Ma ades?

ROSARIA - Certo se vuole, cosa dici Luigi?

LUIGI - Se se fa pör Rosalino, li lampadi novi iè at survia dla scansia in garag.

ROSALINO - Va ben.

ROSARIA - Ci scusi se la facciamo lavorare anche oggi.

ROSALINO - Oh ma par na lampadina, se pu a dmandamal l’è na bela dona cume le. (esce)

ROSARIA - Ohh  grazie, ma che persona simpatica . . . (poi vede che sulla tavola non c’è niente) ma se non c’è ancora niente sulla tavola, come mai Luigi?

LUIGI - Parchè me muier la pensà che l’è mei tirà föra la roba dopu la mesa.

ROSARIA - Ma no bisogna preparare qualcosa, se qualcuno vuol prendere qualcosa, cosa dici?

LUIGI - Eh, l’è vera.

ROSARIA - Allora dammi una mano che portiamo qualcosa in tavola.

LUIGI - Va ben. (i due fanno un paio di giri portando un paio di vassoi di pasticcini e pizzette e un paio di bottiglie di vino).

ROSARIA - Una tavola bianca vuota è un po desolante no

LUIGI - Che gh’è dal bel vin bianc fresc.        

ROSARIA - Siamo in pochi ma trattiamoci bene .

LUIGI - Giosta.                                                                                 

ROSARIA - Ecco adesso mi sembra a posto.

LUIGI - Eh l’è töt natar vedar. (rientra Rosalino)

ROSALINO - La lampadina l’è sistemada vè.

LUIGI - Grasie Rosalino.

ROSALINO - Oh ma chestu l’è an bel mester.

ROSARIA - Ha visto Rosalino.

ROSALINO - U vest, u vest, ma domas pör dal te.

ROSARIA - Va bene, allora tu chiamami Rosi.

ROSALINO - E te ciamom Lino.

LUIGI - Se Lino al mago Indovino.

ROSARIA - Perchè sei anche mago? (nel frattempo Luigi stappa una bottiglia).

ROSALINO - Ma certu ca su magu, ma al sevat mia.

ROSARIA - Ma che colpo di fortuna conoscerti, mi potrà dare i numeri del lotto.

ROSALINO - Ma certu, ma s’èt a quanti ghi daghi.

LUIGI - Meš paes, ma èl mia mei ca föma an brindisi ades.

ROSALINO - Quel l’è an bel parlà. (Luigi versa da bere a tutti).

LUIGI - Ecu, anca te Rosi bevi an gusin.

ROSARIA - Si ma poco, mi raccomando, Lino mangia qualcosa dai.

ROSALINO - Se se.

LUIGI - (alzando il bicchiere) Alura auguri agli sposi!

ROSALINO - Auguri!

ROSARIA - Agli sposi. (insieme brindano)

Scena 3

Rosalino - Luigi - Rosaria - Teresa a seguire Suor Celesta.

TERESA - (entra Teresa). Ohh l’era ura cat cambiesi la lampadina Luigi.

ROSALINO - Ve che Teresa ca föma an brindisi.

TERESA - (sorpresa) Ma chistà tirà föra la roba?

ROSARIA - Ho pensato che era meglio mettere in tavola qualcosa, così possiamo mangiare e brindare.

ROSALINO - Se dabun . . . (si mangia una pizzetta in un sol          boccone).

TERESA - (fulminando Luigi con uno sguardo si gira senza farsi sentire dagli altri). Signur incö sa spuša me fiola, fam sta calma, fam sta calma fin par carità, la smana quen la va via . . .

ROSALINO - To Teresa bevi an gusin.

TERESA - Se grasie.                                     

ROSARIA - Evviva gli sposi allora.

LUIGI - Auguri!

ROSALINO - Cin cin.

TERESA - Salute. (mentre stanno brindando entra Suor Celesta).

SUOR CELESTA - Permesso . . . permesso.             

TERESA - Avanti, la vegna dentar Suor Celesta.

LUIGI - Ma sl’eva det cla gneva mia che a ca nostra.

SUOR CELESTA – Gh’ho mia resistì de vedar la Daniela vestida da sposa.

LUIGI - Ah Suor Celesta chesta l’è la madar da Pasquale.

SUOR CELESTA - Piacere signora.

ROSARIA - Piacere Rosaria. (si danno la mano).

TERESA - Ma la magna quèl Suor Celesta.                         

ROSALINO - Se che dopu föma an bel cin cin.

SUOR CELESTA - Vi ringrazio, ma sto bene così.

TERESA - Ades ag manca sul la spuša.

ROSARIA - E lo sposo.(suonano alla porta).

LUIGI - Ca sia ša che Pasquale? (va ad aprire la porta ed entra il fotografo Martino).

Scena 4

Rosalino - Teresa - Rosaria - Luigi - Suor Celesta - Martino

LUIGI - Ah l’è al futografo.

ROSALINO - Al ghigner.

MARTINO - Buongiorno. (tutti lo salutano).  La spusa èla prunta?

TERESA - A gh’è sö la petnadura.

MARTINO - A ma gh’era da savil, cagh gnes an folmin a töti li petnaduri.

TERESA - Eh bisogna cal porta pasiensa.

ROSALINO - Bisogna chi la petna no.

MARTINO - Se ma podla mia vegnar prema, le quand la fni la va, me gh’hu da corag dre töta la giurnada.

TERESA - Ades a vaghi a vedar a che punti iè.

MARTINO - Sarà mei.

SUOR CELESTA - Poso veder la spoša che dopo mi vago.

TERESA - La vegna la vegna Suor Celesta. (le due donne escono).

ROSARIA - Senta signor fotografo posso chiederle qualche fotografia più tardi.

MARTINO - Ma certu, su che a posta.

ROSARIA - Allora dovrebbe farmene una con mio figlio, lo sposo,una con la sposa, una con tutte due, poi con tutti noi, poi una me la fa con il signor Luigi, una con Rosalino, un paio le fa a me da sola e poi . . . (interrotta da Martino).                                         

MARTINO – E poi u bela fnìi al rulin, Ma la m’asculta siura gontia da fa l’album ai spus u a le?

ROSARIA - Ma agli sposi no, ci mancherebbe, chiedevo solo qualche foto per me.                

LUIGI - Asculta Martino intant ca vegn prunt la spuša bevi quel.

MARTINO - Basta ch’is mova, parchè sinò a vaghi a la cieša.

LUIGI - Urmai l’avrà finì l’è do uri cl’è so la Sandrina.

MARTINO - Parchè gh’è la Sandrina?

LUIGI - Se.

MARTINO - Mamma cara, ca le la mola la spusa gnanca sa tla masi.

ROSARIA - Ma è già passato a far le foto a mio figlio? Lo sposo?

MARTINO - A spuš? Me no.

ROSARIA - Ma guardi che dalle mie parti prima della cerimonia le foto si fanno anche allo sposo.

MARTINO – Da li su parti, ma che soma ad li me parti.

ROSARIA - Ma questa cosa non la capisco.

LUIGI - Ma sta mia preucupat Rosi li foto a Pasquale at vedrè che dopu Martino ag ià farà.

ROSALINO - Vè ghigner.

MARTINO – Ghigher tu surèla! Futografo par piašer.

ROSALINO - Siur futografo, dopo an fal na fotu anca a me?

MARTINO - Parchè no.

ROSALINO - Ag la faga anca a Luigi, che atseta quand al mor al ga la futografia da metar in sla tomba. (ride).

LUIGI - Ma sta mia di dli stupidadi, va che me ades a gu mia nisuna intensiun da morar.

MARTINO - Epöri pensè che i’ultim du che gni a fa la fototessera iè mort töt du in dal gir d’na šmana.

ROSALINO - Cosa!? Vè u pensà che la futugrafia th’am la farè n’atra volta. (entrano Teresa e suor Celesta seguite da Daniela).

Scena 5

Luigi - Rosaria - Suor Celesta - Rosalino - Martino - Teresa - Daniela

TERESA - Ariva la spuša!

SUOR CELESTA - Ecome l’è bela. (entra Daniela).

ROSALINO - Evviva la sposa. (tutti applaudono).

DANIELA - Ciao a tutti. (baciando Rosalino e Rosaria).

ROSALINO - Ohh Daniela at sè na meraviglia.

DANIELA - Grasie Rosalino.

ROSARIA - Trovo che questo vestito ti stai veramente bene. (Luigi si mette improvvisamente a piangere).

TERESA - Ma cusa fèt Luigi? A sigat.

ROSARIA - Ma non piangere Luigi.                                              

SUOR ROSARIA - (avvicinandosi a Luigi) Al se faga coragio Luigi, ogi al gh’ha mia da pianšer ma da ridar.

LUIGI - Ma no! . . . Ma no!

DANIELA - Dai pupà calmat. (avvicinandosi al padre).

ROSALINO - Prema o poi Luigi al gheva da sucedar.

LUIGI - Ma no! Ma no!

ROSARIA - Ma Luigi non hai piacere che si sposi sua figlia?

LUIGI - Ma no, ma l’è mia par quel, l’è par i tri miliun e meš che custà ch’al vestì le!

MARTINO – E pu ad vedrè quant a riva l’album.

TERESA - Ma dai luigi.

DANIELA - Papà!? Cosa dici!

MARTINO - Scusem nè ma ades a vuria fa na qual futugrafia.

ROSALINO - Cume di “Andè föra dli scatuli”.

SUOR CELESTA - Mi vago in cieša.

ROSALINO - Vegni anca me, vegnat anca te Rosi?

ROSARIA - No aspetto mio figlio, ci vediamo dopo.  

SUOR CELESTA - A dopo allora. (Rosalino e Suor Celesta escono).

TERESA - Nuatar intant andoma d’adlà.

LUIGI - Ma se, vè Martino robi svelti nè.

MARTINO - Al temp ch’ag völ. (Teresa,Luigi e Rosaria escono).

DANIELA - Ma Diu coma su agitada.

MARTINO - Me no. Alura . . . prova a metat le višin al spec.

DANIELA - Che?

MARTINO - Se ades varda vers la porta, an po ad suriso, dai . . . pian (avvicinandosi a Daniela) va sa’s pol petnà a cla manera che!

DANIELA - Parchè?

MARTINO - Parchè chesti i vures pusè indré, at faghi li fotu cun i cavei in sla facia?

DANIELA - Ma l’è da moda, me am pias acsé.

MARTINO - Ma se la moda, a di che la petnadura la capes gnint, l’è quasi an cumpliment.      (Martino inizia a fare qualche foto).

MARTINO - Sculta gh’èt la giarettiera?

DANIELA – Se, parchè?

MARTINO - Am piašares fat na foto cun sö an po al vestì e ca th’at tegni la giarettiera.

DANIELA - Cun la giarettiera? (Alzandosi il vestito tenedosi la giarrettiera).                       

MARTINO - No, prova a tirà šö ancora an po.

DANIELA - Acsé?                                                                                

MARTINO - Pusè šö.

DANIELA - Vè Martino gh’èt da futugrafà la giarettiera u a li mudandi.

MARTINO - No ma l’era par vigh na poša particolare.

(entra in questo momento Teresa per perendere un cavatappi).    

TERESA - Scusè n’atim sul. (poi vedendo Daniela con il vestito alzato) Ma cusa fèt cun li gambi dasquaciadi? (va ad abbassare il vestito di Daniela) tira šö le, su mia me.

DANIELA - Ma mama al gh’eva da fam la foto.

TERESA - Ma che foto?  . . .  Cun li gambi nudi!?

MARTINO - Ma la varda cl’è na fotu artistica.

TERESA - Pusè che artistica l’am parares na fotu spurcaciuna.

MARTINO - Oh ma che esagerasiun. (suonano alla porta).

DANIELA - Al gh’ha da esar Pasquale.

MARTINO Alura lasom perdar. (Teresa va ad aprire mentre anche Rosaria e Luigi rientrano).

Scena 6

Martino - Daniela - Pasquale - Teresa - Rosaria - Luigi

TERESA - (ricevendo Pasquale) Buongiorno Pasquale.

PASQUALE - (con un bouquet di fiori in mano) Buongiorno

signora, salve a tutti. (tutti lo salutano).

PASQUALE - Amore sei uno splendore.

DANIELA – Ciao. (Pasquale da il bouquet a Daniela e i due si baciano).

DANIELA - Anche tu stai benissimo.

PASQUALE - Grazie.

ROSARIA - Figlio mio. (bacia e abbraccia Pasquale, poi Pasquale bacia anche Teresa, mentre sta per baciare Luigi, lui si tira indietro e gli da solo la mano.

PASQUALE - (rivolgendosi al fotografo) Ah signor Martino come mai non è venuto a fare qualche foto anche da me?

MARTINO - Ma me an par mia ca fosum d’acordi atsé.

PASQUALE - No si sbaglia eravamo d’accordo proprio così.

DANIELA - L’è vera Martino ag ghevi d’andà anca da Pasquale.

ROSARIA - Infatti è quello che dicevo anch’io.                                                        

MARTINO - Ma valà ca va sbagliè, cumunque a ghu da vig la prenutasiun, (estraendola dal taschino) ades a vardi, ecu: Daniela Larone, Pasquale Marra, 15 giugno 85 chiesa di Casatico. Note: Andare prima dallo sposo . . . a ghi rašun.

ROSARIA - Ma io glielo avevo anche detto.

PASQUALE - Va beh adesso ormai è tardi sono quasi le undici, è meglio che andiamo.

DANIELA - Si è meglio, lo sai che il prete ci tiene molto alla puntualità.

TERESA - Andom alura, serat te Luigi?

LUIGI - Se.

DANIELA - Io salgo con te Pasquale?

PASQUALE - Si io e te andiamo insieme. (tutti escono con in coda Luigi).

DUE ORE DOPO

Scena 7

Luigi - Teresa - Daniela - Pasquale - Rosalino - Rosaria - Suor Celesta - Martino          

LUIGI – (Rientrano tutti) Dentar!

ROSARIA - Eccoci qua.

SUOR CELESTA – E stà proprio na bèla cerimonia Daniela.

ROSALINO - Ohh ades a vegn al bel.    

LUIGI - (togliendosi la cravatta). Ohh an pudevi pö  

TERESA - Ma Diu che sandrun ch’at sè.

MARTINO - (rivolgendosi agli sposi) Scultem ades andoma a fa an po ad foto?

TERESA - Ma th’a schersarè mia nè Martino, ades a festegiom töti insiem, ansi se an qualdun am da na man andom a to an po ad roba. (esce)

ROSARIA - Non vorrà portarci via gli sposi subito. (seguendo Teresa).

MARTINO Ma li fotu quand ià föm?

DANIELA - A gh’om töt al donmesdé par fa li fotu Martino.

PASQUALE – Si le faremo più tardi.

MARTINO (girandosi) Se töt al donmesdé, ades i magna e i bev, dopu ad vedrè che fotu a salta föra.

LUIGI - Dai magna quèl insiem a nuatar intant.

TERESA - (rientrando con vassoio di pizzette e bottiglia) Ecu che, ma acumudev, magnè quel, anca le suor Celesta.

SUOR CELESTA - Si grazie.

ROSALINO - Me u ša cumincià. (ognuno si prende qualcosa e mangiano e devono).

TERESA - Luigi tira šö cla butiglia che.

LUIGI - Pronti.

ROSARIA - (rientrando). Ci sono anche questi panini, che sono buonissimi.

PASQUALE – Grazie mamma.

ROSALINO - Mhh, quel l’è dal salam fin vè.

LUIGI - Tal cunosi ben nè Rosalino.                                 

ROSALINO - Vacca s’al cunosi, anca cal vin che (alzando il bicchiere). Per gli sposi Hip! hip! (Insieme) Hurrà!!! (Ripetuto tre volte, mentre tutti sono intenti a mangiare e parlare tra loro Rosaria prende dalla sua borsetta un regalo per la sposa.     

ROSARIA - Daniela come è tradizione ho pensato ad un regalo per te. (Porgendogli il pacchettino regalo).                      

DANIELA - Ma an regal par me? Ma grasie.

ROSARIA - Aprilo, aprilo.

DANIELA - Si, si.

ROSALINO - Chisà ch’ag sia an qual regal anca par me.

LUIGI - Te verament al regal inveci da riceval am par ca tavresi duvì fal.

ROSALINO - Me?

DANIELA - Ma l’è n’anel! Grasie. (bacia la suocera).

ROSARIA - Provalo.

DANIELA - E’ bellissimo, èt vest mama.                                      

TERESA - Se, se l’è bel.

PASQUALE - Ti sta bene, che dici?

DANIELA - L’è meraviglius. (mentre tutti sono intenti a guardare l’anello e fare complimenti, Teresa e Luigi si spostano dagli altri).

TERESA - Ma scultum Luigi nuatar ac regalom gninte a Pasquale?

LUIGI - E parchè?

TERESA - Ma che figura föma, duvresum anca nuatar regalag n’anel a Pasquale.

LUIGI - Lè mia ašè ch’an porta via la fiöla, anca l’anel gh’om da dag, e pu ades induva andoma a töl . . . e s’ach dom l’anel ca ta mè regalà vintisinc ani fa?

TERESA - Giösta.

LUIGI - Me a m’al su mai mes, al gh’ha da esar in dal cumudin at šura.

TERESA - A vaghi a tol subit. (uscendo) Scusè n’atim.

LUIGI - Vardom st’anel.

DANIELA - Varda pupà che bèl.

SUOR CELESTA - Alo visto sior Luigi la signora Rosaria, che bèl pensiero che la fato? 

LUIGI - U vest, u vest.(rientra Teresa)

TERESA - Pasquale noi abbiamo pensato ad un regalo anche per tè

PASQUALE - Ma non dovevate, di solito il regalo si fa  solo alla sposa.

LUIGI - (girandosi) Ma s’es savì acsé!

TERESA - Ben ma nuatar a tl’om fat l’istes, ecco. (porgendogli il regalo).

PASQUALE - Grazie. (Pasquale apre la scatolina e vede che c’è un anello).

PASQUALE - Un anello! Molto bello . . . c’è anche un biglietto: Al mio cicciolino Luigi con tanto amore da Teresa . . . sei maggio 1961.

TERESA - Ma Diu, an su sbagliada . . . parchè . . . parchè quand su         andada a töl gh’hu purtà ch’al le a fa lustrà e as ved cu purtà a ca amö cal vec.

PASQUALE - Ahhh, allora questo è vostro. (restituendolo a Teresa).

TERESA - Ades apena a gh’hu ucasiun a vaghi dl’urefice, né Pasquale.

PASQUALE - Si, non c’è problema.

MARTINO - Andoma a fa li fotu ades?

DANIELA - Ma speta Martino.

PASQUALE - Mi sta ossessionando con queste foto.

MARTINO - Ben ma me posi anca andà a ca vè.

SUOR CELESTA - Ma gh’è völ en po de pasiensa sior fotografo, l’è la giornada dei sposi no.

MARTINO - La varda suor Celesta che sl’è par quel i futografi i na porta a dla pasiensa, la spusa cl’è mai prunta, li petnaduri sempar a taga, quel dal ristorante cal gh’ha sempar prescia, atar che pasiensa.

ROSALINO - Ben ma scultem, föma mia an baltin?

ROSARIA - Io però Rosalino, visto che domani parto vorrei che tu mi potessi fare la previsione di qualche numero del lotto.

ROSALINO - Ma induva vöt andà Rosi ma sta che ca sa sta ben. (Teresa che è vicino a Rosalino gli da un calcio in una gamba).

ROSALINO - Aiiaa!!!

TERESA - Ohh scusa Rosalino.

ROSALINO - U fin tolt sö la caseta, to Teresa metla sö, l’è Castellina Pasi. (porgendo la cassetta a Teresa che la mette nel registratore).

ROSALINO - Luigi dam na man ca spustoma la tavula.

LUIGI - Vè Rosalino th’am pari a ca tua.  (aiutando Luigi a spostare la tavola e gli altri spostano anche le sedie. Subito dopo parte la musica e per primi iniziano a ballare gli sposi).

ROSALINO - Evviva gli sposi!

TUTTI - Evviva!!

LUIGI - (dirigendosi verso Rosaria). Rosi a balat cun me?

TERESA - (fermando Luigi) Te at bali cun me! (iniziano anche loro a ballare).

ROSALINO - Varda Rosi che me a voi balà cun te.

ROSARIA - Ma certo Lino. (tutte e tre le coppie ballano, mentre Martino e Suor Celesta sono seduti vicini,i due si guardano per un po, poi Martino fa un cenno a Suor Celesta e i due si mettono a ballare anche loro.

 

FINE SECONDO ATTO

 

                                                        * * *

 

TERZO ATTO

 

TRE MESI DOPO

 

Scena 1

Luigi - Rosaria a seguire Rosalino e Teresa

ROSARIA – (Rosaria e Luigi seduti a tavola). Ma quand a rival Rosalino?

LUIGI - Al duvria esar che Rosi.

ROSALINO – Permesso. (entrando vestito da mago).

LUIGI – Oh, l’è ura ch’at riva.

ROSALINO - Ades scultem, dem li man, serè ioc . . . numeri numeri della sera, numeri numeri del mattino uscite qui da Rosalino!  . . . (breve pausa) An ternu! Vintisinc, quarantot e utanta.

ROSARIA - E la röda?

ROSALINO - La röda . . . la röda l’è . . .

Teresa - (entrando con una pentola da mettere nella vetrina) La röda l’è disfiada!

LUIGI - Te at gh’è sempar da vegnar a disturbà, ma vedat mia ca soma che in cuncentrasiun, e ch’ag völ silensio.                                                                        

ROSARIA - Ma par piašer Teresa podat andà dad là.

TERESA - Ma certu a vaghi dad là, ma ai suoi ordini. (uscendo). Anca in dialet la sè mesa a parlà.

LUIGI - Elura la röda qual’èla?

ROSALINO - Alura la röda l’è da . . . l’è da Venesia.

ROSARIA - Venesia, alura ades andoma subit a šugai.

ROSALINO - Ma subit! (alzandosi) andom prema chi sera.

LUIGI - Spetèm ca gh’al dighi a me muier. (va verso la porta). Teresa! Teresa!

TERESA - Ahh?

LUIGI - Va ca vaghi in piasa nè.

TERESA - (affacciandosi sulla porta). A šugà al lot!

LUIGI - Se.

TERESA - E andegh töti insiem as sa mai ch’av perdiga.

ROSALINO - Parchè i nomar Teresa i vegn föra sul sa gh’andoma töti tri.

TERESA - Infati as sved cume i vegn föra.

LUIGI - Ma s’om fat n’ambu anca la smana pasada.

TERESA - Se dudasmelacinsentfranc da spartar in tri, e quanti ni spes? (nessuno risponde) Ahh!?   

ROSARIA - A pruposit a gh’hu la burseta at sura, e sicome u ciapà na bota in dal snoc ca fag fadiga a piegal, e alura sa pudì metag vuatar la me part, ca vansi da fa na scala.  

ROSALINO - Ma certu nè Luigi?                                                 

LUIGI - Se . . . se . . . (guardando preoccupato la moglie).

ROSARIA - Grasie, si du tesor.

ROSALINO - Ben alura andom, ah Teresa, va ca lasi che la me sfera an racumandi.

TERESA - Sta mia preucupat, ag darò anca na pulidina.

LUIGI - Alura nuatar andom.

TERESA - Andè, andè pör. (i tre escono mentre Teresa resta sola con le braccia conserte).   

TERESA . Ac fa mal a piegà al snoc vè puvrina, ca le pusè che atar ach fa mal a piegà la schena atar ché! E lor du imbambì ch’ich casca cume du marturei, ah am sla va avanti acsé me as sciòpi! (esce rientrando subito dopo con una scopa).

TERESA - Tant par cumincià ac dom na bela pulidina ala sfera, na pulidina da queli ch’ag resta al segn. (Teresa comìncia a dare forti colpi di scopa alla sfera fino a

distruggerla).

TERESA - Ohh ades l’è a post.! (la butta dentro la credenza).                                      

TERESA Ma che bèla disliberada, la sfera magica l’è sparida, vöt vedar ca su dventada maga anca me. (suonano alla porta. Teresa mette la scopa subito dietro la porta e va a vedere chi c’è).

Scena 2

Teresa - Suor Celesta

TERESA - Ah sa lè le Suor Celesta.

SUOR CELESTA - Buongiorno, Teresa buongiorno. Son vegnuda a sentir un po come la va, parchè domenica la ma dito che gh’è an qual problema.

TERESA - Eh se, ma las senta Suor Celesta.

SUOR CELESTA - Grasie, ades me gh’è völ propria la carega.

TERESA - (sedendosi) Che in ca mia Suor Celesta sè creà na situasiun che me su po buna da suffrì.

SUOR CELESTA - Ma cosa gh’è še Teresa?

TERESA - Gh’è che la suocera da me fiöla, la Rosaria, cla gh’eva da turnà a ca sua al de dopu dal matrimoni.

SUOR CELESTA - Šè vera, elora?

TERESA - E inveci le tri mes cl’è acampada che in casa cl’as mov po!

SUOR CELESTA - L’era quelo che imaginavo.

TERESA - Ma cusa gontia da fa Suor Celesta? Cusa gontia da fa!? E Luigi e Rosalino sempar a tac cume du öc, e po cun la mania da Rosalino da fa li previsiun, töti i venerdé i smet che  par induvinà i nomar dal lot. Ma chestu l’è an manicomio! La pensa che Luigi da quant è gni in ca ca le la gnanca pö vardà la su pianta, vedla indù

lè? (Indicando). Lè lasö in sla vedrina piena da polvar! Ma sla fnes mia cla storia che Suor Celesta, a tog sö li me valis e vaghi föra da cla casa che!!! (Teresa si mette a piangere tenedosi la testa con le mani, mentre Suor Celesta si alza e si avvicina a Teresa).

SUOR CELESTA - Cara la me Teresa,te gh’è rašon, ma te gh’è anca da ver pasiensa.

TERESA - La pasiensa l’è ša finida.

SUOR CELESTA - Tra n’omo e na dona che so spošadi, ne mia sempre roše e viole, a volte tuti podevo verghe un momento de debolesa, Luigi prima o poi al se rivedrà e al capirà cl’è drio sbaglià. 

TERESA - Eh magari.

SUOR CELESTA - Ma anca mi nela scelta ca gh’ho fato par diventar suora, a volte gh’ho dubi, incertese, posso aver parlato male, posso aver avutu pensieri bruti, tuti podemo sbaglià.                                                                             

TERESA - Se però le Suor Celesta la mai tradì al Signur.

SUOR CELESTA - No questo no se po, perché penseto che Luigi al te tradisa?

TERESA - A voi gnanca pensal, parchè sal fos vera, varda a vaghi cul prem om ca vegn dentar. (proprio in quel momento entra Rosalino).  

Scena 3

Teresa - Suor Celesta - Rosalino

ROSALINO - Permesso,scusè.

SUOR CELESTA - Buonasera Rosalino.

ROSALINO - Buonasera, am su dismengà al capel. (prendendolo dall’attaccapanni). Vè Teresa u mia capì cusa at fè al prem om ca vegn dentar?

SUOR CELESTA - No la Teresa la schersava, piutosto Rosalino volevo domandarte na cosa.

ROSALINO - Ma dim Suor Celesta.

SUOR CELESTA - (avvicinandosi) E’to mai pensà de sposarte?

ROSALINO - Ma spusam cun le Suor Celesta!?

SUOR CELESTA - Ma no cosa dišeto, voio dirte che anca ti te podrese meter su famia.

ROSALINO - Metar so famiglia? Ma cun chi?

SUOR CELESTA - Ma per esempio con la siora Rosaria.

ROSALINO - La Rosi!?

SUOR CELESTA - No te piašala?

ROSALINO - Vacca sl’am pias! Ecome!

SUOR CELESTA - E allora fate avanti no. No šè impegnada.

ROSALINO – Ma, ma cuma a faghi a digal?

SUOR CELESTA - Con la boca no, andemo che te spiego, dai che te accompagno.                                                     

ROSALINO - Va ben, sentoma.

SUOR CELESTA - Teresa vago con Rosalino, poi te farò saver.

TERESA - Grasie Suor Celesta, arvedas.

ROSALINO - Ciao Teresa.

TERESA - Ciao ciao. (Teresa rimasta sola si alza e fa un giro nella stanza a braccia conserte,poi guardando la pianta del bonsai si lascia prendere da un attimo di rabbia e prende la pianta, apre la finestra e mentre sta per gettarla fuori all’ultimo momento ci ripensa. (Parte musica) La piantina la posa sul tavolo poi esce e ritorna con uno straccio in mano con il quale inizia a pulire e togliere la polvere dalle foglioline,  poi ripone con delicatezza la pianta dove l’aveva presa. Subito dopo entra la figlia Daniela con una valigia in mano trafelata e piangente).

Scena 4

Teresa - Daniela

TERESA - Ma Daniela cusa fet che!? Cun la valis?

DANIELA - Parchè me cun Pasquale ga staghi po!

TERESA - Ma valà, ma calmat Daniela.

DANIELA - Eh at fè prest te a di da calmas, me ca gh’evi fiducia in Pasquale, invece . . .

TERESA - Invece cosa?

DANIELA - L’atra sera al ma det can dava a fa an gir al bar, invece su gni a savì cl’è andà a balà cun i su amic.

TERESA - Ben e par atsé poc at vö lasal.

DANIELA - Par te at par poc, me su a casa ca lavi e ca stiri, e lu a balà in discuteca!

TERESA - Se at gh’è rašun,ma bisogna mia fas ciapà da la rabbia atsé, parchè dopu l’è dificil turnà indré, dli volti certi robi li par grosi, ma cul temp dopu th’at n’acorši cl’è mia propria acsé. Ag völ anca pasiensa Daniela, prova a vardà cusa nu purtà e cusa su dre purtan cun tu padar, an po ad buna vuluntà e as va avanti, magari iè sta i’amic a tiral in discuteca.

DANIELA - Se i’amic, sempar i’amic. (suonano alla porta).

Scena 5

Teresa - Daniela - Martino

TERESA - Dai sügat i’oc, ca gh’è an qualdun. (Teresa va ad aprire ed entra il fotografo Martino con una valigetta in mano).

MARTINO - Buonasera.

DANIELA - Buonasera.

TERESA - Buonasera, a gh’eval ad bisogn?

MARTINO – Ma forsi si vuatar ca ghi ad bisogn, u no? Su gni parchè lè ša diversi volti ch’ag telefuni a su fiöla che l’album l’è prunt, gnoma incö gnoma dman, i vegn mia e alura su gni che a ca sua a purtagal.

DANIELA - Me cl’album le al voi mia!

TERESA - Cusa dit Daniela.

MARTINO - Ahh ma gh’era d’inmaginasal, i völ spusas, i völ li fotu dal Martino, i völ fa al nido d’amore, ma che am sa che l’uslin l’è andà in sla vida e la storia le ša fnida, e me chi’el ch’am paga!? U pensavu ch’al fos a uferta libera.

TERESA - Ma no Martino, sta mia preucupat che al tu lavurà al gnarà pagà, se casu al pagom nuatar.

MARTINO - Ah ben.

DANIELA - Ma cuša vöt ca man faga da dli futugrafii insiem a n’om fals?

TERESA - Ma dai Daniela tegni cunt da quel ca tu det prema. (Martino apre la valigetta e prende l’album).

MARTINO - Varda che beli fötu, che culur, varda che la siura Rosaria, che po gh’hu da div che le la gh’è dapartöt.

TERESA - Alura me th’al paghi mia at sicur!    

MARTINO - E me al bruši!

DANIELA - Ma no!

MARTINO - Ma insoma decidiv cusa fa, al voi, al voi mia, al paghi me, tal paghi te.

TERESA - Asculta Martino metal šö le e ve via dad la ch’at faghi l’asegn che acseta la föm fnida.

MARTINO - Ohh . . . Sia lodato Gesù Cristo. (Martino posando l’album sulla tavola esce con Teresa, Daniela rimane un po a guardare l’album, poi non resistendo

dalla voglia di sfogliarlo lo prende in mano e se lo stringe a sè. (Musica) Poi inizia a sfogliarlo, poco dopo dall’ingresso principale entra piano piano Pasquale).

Scena 6

Pasquale - Daniela a seguire Teresa e Martino

PASQUALE - Daniela!?

DANIELA - (Girandosi sorpresa) Pasquale!?

PAQUALE - Daniela cosa hai fatto? Ma è il nostro album, immaginavo di trovarti qui, la nostra vicina mi ha detto che te ne sei andata con la valigia. Se è per l’altra sera guarda che gli amici hanno voluto a tutti i costi che andassi con loro, io non sono stato bugiardo con te, perchè quando sono uscito non sapevo di andare dove poi sono andato. Daniela scusami . . . perdonami . . . (Daniela è indecisiva poi si getta tra le braccia di Pasquale. Musica mentre rientrano Martino e Daniela).

MARTINO - Ah l’amore che beli robi.

TERESA - Meno male ca sè  giustà töt. (Daniela e Pasquale smettono di abbracciarsi).

DANIELA - At gh’evi rašun mama, l’è sul culpa mia.

PASQUALE - Ma no, è stato solo un malinteso.

MARTINO - Alura pütei ades soma a post, e me pos andà. (entra in questo momento Luigi).

Scena 7

Teresa - Luigi – Martino - Pasquale - Daniela

LUIGI - Oh ma quanta gent ca gh’è.(tutti si salutano).

MARTINO - Me vaghi, u ša sistemà töt, arvedas. (Martino esce e si salutano).

LUIGI - Ma cusal sistemà Martino?

DANIELA - Perchè la portà al nostar album ad matrimonio.

LUIGI - Oh bravi ca sistemè i vostar debit, cun respunsabilità, èt vest Teresa cuma iè brau ad ministras.

PASQUALE - Ma veramente . . .

TERESA - (intervenendo) Sal lasè che da vedar l’album? Parchè al su ca ghi prescia d’andà via.

DANIELA - No al purtoma a casa mama.

LUIGI . Ben ma andè via subit.

DANIELA - Se pupà nuatar andom anche parchè me e Pasquale ghom da parlà.(I due si apprestano ad uscire, Daniele prende l’abum e Pasquale prende la valigia che si era portata Daniela).

PASQUALE - Questa la prendo io.

LUIGI - E cusa fev in gir cun la valis?

TERESA - Parchè la Daniela l’è gnida a tös ad la roba.

LUIGI - Ahhh.

DANIELA - Ciao alura. (tutti si salutano).

LUIGI - E’t vest che brau, l’album i slè pagà lor. No parchè me l’è ša sta bastansa pagag al vestì, i fiur in cieša, al ristorante . . .

TERESA - (interrompendolo) Ma qual ristorante?

LUIGI - Qual ristorante, insoma quel com magnà e bevì che, chiel ca la pagà? Pasquale?

TERESA - Ohh chisà che speša.

LUIGI - Insoma quel cl’era, asculta la Rosi èla gnamò rivada?

TERESA - No la Rosi lè gnamò rivada. (ironicamente).

LUIGI - Parchè Rosalino la vulì cl’an andes a casa sua ch’al gh’eva da parlag. Mah . . .

TERESA - Ma quel sla restes la vè!                 

LUIGI - E parchè? Va cla sta ben anca che.

TERESA - Al so cla sta ben, ma te at pensi mia a tu muier cla sta mal.

LUIGI - Ben ma cusa gh’èt ca ta stè mal?

TERESA - Sat gh’è an po ad testa tal sè benissim cusa go.

LUIGI - Ohhhh . . . ma cusa pensat. (entra in questo momento Rosaria).                   

Scena 8

Teresa - Luigi - Rosaria

ROSARIA - Eccomi,Teresa, Luigi, gu da dav na nutisia importante.

LUIGI - Cosa Rosi?

ROSARIA - Beh . . . ho deciso di togliervi il disturbo e cambiare abitazione. (Teresa fa un sospiro di sollievo).

TERESA - Ma Diu cume am dispias!

LUIGI - Ben!? Ma parchè? E po induva vèt a sta.

ROSARIA - Vedete è che Rosalino, al ma dmandà d’andà sta cun lu, e me u acetà.

TERESA - Ma cume am dispias!

LUIGI - Da Rosalino? Ma che stet mia ben?

ROSARIA - Quando l’amore chiama, bisogna rispondere.

LUIGI - L’amore!? Cun Rosalino!? Ma . . . ma . . .

TERESA - Ma cume am dispias.

ROSARIA - Vaghi a fa li valis e parti subit. (esce con Luigi che la segue fino alla porta).

LUIGI - Ma Rosi sèt sicura? M varda che Rosalino al gh’ha sempar la presiun alta e pu al gh’ha mia la vasca da bagn, sat vurè fa an qual bagn rilasante at po vegnar ancor che.

TERESA - Cherasa!

LUIGI - Ma va che fat, Rosalino cun la Rosi, l’è na roba da cinematografo.

TERESA - E cusa gh’è da strano?

LUIGI - Ma talsè Rosalino l’è mai sta insiem a na dona.

TERESA - E alura a vuresat insegnag te, e magari pruvala prema te la Rosi.

LUIGI - Ecu, se, ciuè vulevi di che, insoma al pudeva anca dimal no? Som amic, inveci va che surpresa. (poi ritorna sulla porta).

LUIGI - Vè Rosi va che Rosalino al t’incanta e pu at magna föra i besi.

TERESA - Ma quai besi, ma che besi vöt cla gabia calé, se casu lè le cl’incanta Rosalino e lac magna föra töt. Quela se l’è na maga.

LUIGI - Ma valà cusa vöt che la Rosi la pensa ai besi.

TERESA - Ecome slag pensa, prova vardà quant metì al lot quanti volti l’an tira föra.

LUIGI - Oh quanti volti, na qual volta Rosalino e . . .

TERESA - (interrompendolo) E na qual volta te, si propria di cucù.                            

LUIGI - Ades comunque a voi andà a sentar da Rosalino cuma l’è la facenda.

TERESA - Se valà ca vedi ch’at sè in sli spini.

LUIGI - Ciao dopu at cunti töt. (esce).

TERESA - Ciao . . . ma cume am dispias, cuma am dispias. (accingendosi a stirare). L’è mei ch’am meta a stirà valà ca gh’hu an dispiaser che stanot su gnanca sa dormi. (entra Rosaria con la valigia).

Scena 9

Teresa - Rosaria a seguire Rosalino

TERESA - Incö lè la giurnada dli valis.

ROSARIA - Allora Teresa io vado, ti ringrazio per l’ospitalità, anche se scusa se te lo dico, ma tu mi sei sempre stata sullo stomaco.

TERESA - Il sentimento è reciproco cara Rosi, ansi sa fös mia parchè at se la madar da Pasquale t’avres anca bela mandà da via al cul!

ROSARIA - Ma che modi, sicuramente a casa di Rosalino mi troverò molto meglio.

TERESA - Ma certu, a senti anca ca tè ripres a parlà italian, varda che Rosalino al cunos sul al dialet, e pu ricordat che s’at vö magnà bisogna c’at mova li manini cara parchè Rosalino a tan fa mia at sicur, a meno che, al faga na magia e tac, salta föra an piat da pastasöta.

ROSARIA - Se sarà il caso penseremo ad una cuoca.

TERESA - Ma anca la cameriera, tant i soldi iè da Rosalino. (entra Rosalino).

ROSALINO - Permesso, ma sbagli u si dre parlà da me?

TERESA - Ciao Rosalino, u sentì la nuvità.

ROSALINO - E’t sentì Teresa, me e la Rosi aš metoma insiem, föm mia na bèla coppia? (abbracciando Rosi per un fianco).

TERESA - Ma par la miseria! E pensè da spušav?

ROSALINO - Ma certu, nè Rosi?

ROSARIA - Vedremo caro, dipende da come andrà la nostra relazione.

ROSALINO - Cus’el!?

TERESA - (girandosi) Dipend ad la sustansa dal cunt in banca.   

ROSARIA - Rosalino adesso sarà meglio che andiamo.

ROSALINO - Se andoma, ma dam la vališa cla porti me, ah Teresa ma la me sfera magica induv’èla?

TERESA - La sfera? Ah la sfera magica, (la prende nella credenza dove l’aveva buttata dopo averla schiacciata).

TERESA - E’cu la tu sfera. (porgendola a Rosalino che rimane di sasso).

ROSALINO - Mahh . . .  ma cuša gh’è suces!? Ma lè töta ruvinada . . .  ma chi è sta?

TERESA - Eh suces, ca sevi dre a spasà e la mansarina . . . su mia parchè la gh’è andada at survia, e . . .

ROSALINO - Ma . . . come . . .                               

ROSARIA - Lascia perdere Rosalino ne prenderemo un’altra più bella.

ROSALINO - Ma se, vurà di cla cambiaroma.

ROSARIA - E Adesso andiamo che sono quasi le sette e comincio ad aver fame.

ROSALINO - Andom, andom, ma che brava la pensa ša da fa da magnà.

ROSARIA - Non lo credo proprio io non ho mai cucinato.

ROSALINO - Ma, ma alura cuša magnom?

ROSARIA - Vorrà dire che per festeggiare andremo al ristorante.

ROSALINO - Al ristorante? Ma se andom al ristorante. (Rosaria e Rosalino escono).

TERESA - Ah puvar Rosalino, (riprendendo a stirare) me u ciapà na bela disliberada, ma lu ades as cata na bèla gata da plà,a ga scumeti che a cumbinà töt è sta Suor Celesta, e in fond Rosalino al sarà anca cuntent e sperom che ades l’impara anca a sta an po a ca sua. (entra in questo momento Luigi un po triste con le mani in tasca).

Scena 10

Teresa - Luigi a seguire Suor Celesta

TERESA - (lo guarda mentre gira per la stanza,poi interviene). E’t catà Rosalino?

LUIGI - Se se, iù catà töt du, indava talmente fort chi ma gnanca vest.

TERESA - Eh l’amore caro al me Luigi.

LUIGI - (guardando perplesso Teresa) L’amore?

TERESA - L’amore se, an qualdun ag pensa, te th’at sè dismengà fin ad la tu pianta, töt al ben ca th’ag vulevi.

LUIGI - Ah al bonsai, (lo prende) ma varda cuma l’è bel e se a lè an bel po cal vardi mia. (posandolo sulla tavola).

TERESA - Parchè an qualdun a gh’ha pensà.                                                            

LUIGI - Te Teresa? (Teresa annuisce) Ma se te at pudresi tal butaresi föra a dla fnestra.

TERESA - Al so, e sl’è par quel me ad la fnestra avres butà föra la Rosaria e te insiem a le, però cuma ad vedi, su che ca ta stiri li braghi. (attimo di rammarico da parte di Luigi, che poi piano piano si avvicina a Teresa). Musica in sottofondo

LUIGI - Me Teresa, gh’hu da dmandat scusa, se parchè me am su certu mia cumpurtà ben, e nonustante i tanti ani ca som spušà a th’è supurtà töt, forsi in silensiu t’avrè fat anca na qual sigadina, e anca se ades a fag na gran fadiga a di cli paroli che Teresa, perdunam. (Teresa molto commosa si gira e abbraccia Luigi. Entra Suor Celesta).

SUOR CELESTA - Teresa te strineto le braghe!

TERESA - Ma Diu l’è vera!

SUOR CELESTA - Scusè se son vegnuda dentar ma gh’ho visto la porta costada e gh’ho vulì farve na sorpresa, ma la sorpresa li fate voialtri a me.

TERESA - No Suor Celesta am la fata le, e al sa da cusa parli.

LUIGI - Ma che surpresa èla?

SUOR CELESTA - Ma che Rosalino al mete su famia.

LUIGI - Alura Suor Celesta parchè a metla mia sö famiglia anca le.

SUOR CELESTA - Eh la ma famia l’è in cielo.

TERESA - Ma Diu cume an dispias.

SUOR CELESTA - Ma cosa dišeto Teresa, intendo dir: Gesù, la Madonna, San Giuseppe.

TERESA - Ah ades u capì. (Luigi si siede a tavola e guarda il bonsai).

LUIGI - Ma le Suor Celesta cun la su famiglia la taca mai da lit?

SUOR CELESTA - Eh si invece caro Luigi, dentar da mi a volte gh’ho da combatar,de vinsar al mal, a fa la suora no šè semplice, l’è come la vita de tuti i sposi, ma quando la fede la gh’ha radiše forti e fondamenti solidi so sicura che se supera tuti i problemi.

TERESA - Cuša saresum sensa famiglia, gh’è ša tanti robi bröti in dal mond.

SUOR CELESTA - Giusto Teresa, sensa famia s’è come anime perse, per questo quando n’omo e na dona i se sposa i gh’ha de volerse ben tuta la vita, un matrimonio šè per sempre.

FINE

An matrimoni l'è par sempar.doc
Documento Microsoft Word [164.0 KB]
Stampa Stampa | Mappa del sito
© 2017 Franco Zaffanella - Gabbiana - Mantova